Categorie
attualità

L’Italia non è un paese per donne: secondo l’Istat guadagnano il 20% in meno degli uomini

MILANO – Lo rivela il secondo Rapporto sulla coesione sociale presentato da Inps, Istat e ministero del Lavoro. Nel 2010, in media gli uomini hanno percepito una retribuzione più elevata (1.407 euro) rispetto alle italiane (1.131 euro), circa il 20% in più. Non solo. Il 71,3% del lavoro familiare delle coppie è ancora a carico delle donne: se avevamo dei dubbi, l’Istat conferma infatti il gap che divide uomini e donne in Italia e che rende così difficile da noi, per una donna, conciliare il tempo del lavoro con quella della cura familiare. In media, giornalmente, tra lavoro e attività domestica, la donna lavora un’ora e 3 minuti in più del suo partner quando entrambi sono occupati. Per le coppie con figli il divario di tempo sale a un’ora e 15 minuti. La maternità poi è legata quasi sempre a un contratto a tempo indeterminato per le lavoratrici dipendenti. Secondo il Rapporto, nel 2010 sono state circa 380 mila le lavoratrici dipendenti che hanno beneficiato dell’astensione obbligatoria per maternità. Fra le neo-mamme, il 91% ha un contratto a tempo indeterminato (e vive al Nord nel 58% dei casi), il 9% a tempo determinato (di cui il 52% concentrato nel Sud e isole). Questo conferma il fatto, se ce n’era bisogno, che la diminuita natalitò è strettamente dipendente dalla minor diffusione del “posto fisso” con le garanzie che questo sottintende in caso di maternità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.