Il Big Ben cambia nome? Forse Big Liz

Big ben

LONDRA, GRAN BRETAGNA – Da Big Ben a Big Liz: svariati parlamentari britannici hanno suggerito di ribattezzare l’iconica torre del palazzo del Parlamento britannico in onore della Regina Elisabetta nell’anno del suo Giubileo di Diamanti.

Tobias Ellwood, un conservatore a cui si sono uniti colleghi LibDEm e dell’opposizione laburista, hanno proposto alla House of Commons Commission che in giugno, quando le celebrazioni del Giubileo di Diamanti della Regina raggiungeranno l’apice, la St. Stephen’s Tower che custodisce la campana del Big Ben sia chiamata Queen Elizabeth Tower ”in riconoscimento dei 60 anni di lavoro ininterrotto della sovrana al servizio del nostro Paese”.

Il cambio di nome ha un precedente: la torre dall’altro lato del Parlamento si chiamava originariamente King’s Tower ma fu ribattezzata Victoria Tower nel 1860 in onore dell’unica altra sovrana britannica che ha regnato per 60 anni, la Regina Vittoria. Big Ben e’ il nome della campana da oltre 13 tonnellate all’interno della torre ma il nome e’ da sempre comunemente usato per designare l’intero campanile.

Di recente la torre, completata nel 1859 e mai inaugurata ufficialmente, e’ stata al centro di una controversia parlamentare: membri della Camera dei Comuni hanno obiettato alla proposta dei loro leader di far pagare i turisti per accedere alla cima. Ma il cambio del nome ha creato ampio consenso bipartisan: il ministro della difesa ‘ombra’, il laburista Jim Murphy, ha detto al Daily Mail che ”Regina e torre dell’Orologio sono icone celebri in tutto il mondo. Sarebbe splendido se potessimo celebrare i 60 anni di Sua Maesta’ sul trono con un monumento permanente alla sua dedizione verso il paese”.

Finora 23 parlamentari hanno firmato la mozione Ellwood: tra questi nomi illustri come gli ex ministri degli esteri Jack Straw e Malcom Rifkind. Prevedibilmente polemico e’ stato invece il gruppo anti-monarchico Republic: secondo Graham Smith, il suo direttore, l’iniziativa e’ pura e semplice piaggeria, un modo con cui i parlamentari cercano di ingraziarsi la sovrana per ottenere la nomina a baronetto.

Potrebbero interessarti anche...