Amici, Chiara Grispo: “Un anno fa non avrei immaginato…”

Pubblicato il 25 maggio 2016 13.23 | Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2016 14.18

Tags:

 
Amici, Chiara Grispo: "Un anno fa non avrei immaginato..."

Chiara Grispo, timida e talentuosa 19enne che arriva da Amici, si prepara ad affrontare nuove sfide dopo l’eliminazione dal talent che l’ha lanciata. Agguantato il serale nella squadra blu di Nek e J-Ax, Chiara Grispo è però stata eliminata a metà percorso. Giusto il tempo di asciugare qualche lacrima di delusione che sono arrivate una proposta discografica da Baraonda Edizioni (l’album d’esordio Blind uscirà il 17/6) e l’invito dei Modà ad aprire i concerti della band a San Siro il 18 e 19 giugno.

“Che emozione. Un anno fa non avrei immaginato tutto questo -racconta Chiara Grispo- Ma ho sempre pensato che una porta chiusa fosse solo l’opportunità per un nuovo inizio”. E di porte chiuse, Chiara, ne ha avuto diverse, avendo già bussato a quelle di X Factor, Area Sanremo e Star Academy. “Mai smesso di crederci”. E così oggi può raccontare il suo primo disco: “Blind mi rappresenta, è la summa di ciò che ho fatto ad Amici. Sette cover e 3 inediti, due scritti da me (Come on, in radio, e Blind) e Spirito fisico, in duetto con Nek”.

Intanto nel corso della conferenza stampa la conduttrice Maria De Filippi ha parlato del successo del suo talent:

“Il merito è di tutti, dal cast alle maestranze. Non voglio essere come la Juventus che vince sempre. Bene se vinco, ma so che arriverà il giorno in cui perderò. Ma si vive lo stesso – ha spiegato Maria De Filippi – evitando la polemica sugli ascolti e sulla sfida con Ballando con le Stelle e Milly Carlucci -. Il miracolo vero è lo share che tocchiamo (picchi del 40%, ndr), quando per un talent credo che il dato giusto sia intorno al 10-11% come The Voice. Ciò che mi rende orgogliosa è che nel tempo con Amici siamo riusciti a superare anche i pregiudizi delle case discografiche. Nelle prime edizioni venivamo guardati con sospetto, ora sono i discografici stessi che vengono da noi e scelgono i ragazzi”.