Farmaci, distribuzione diretta o no: cosa conviene ai pazienti?