Armani promuove bellezza globale per campagna “New normal”

Pubblicato il 4 luglio 2016 08.29 | Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2016 11.40

Tags:

 
Armani promuove bellezza globale per campagna "New normal"

G iorgio Armani promuove la bellezza globale per la campagna autunno-inverno “new normal“. Dopo la bellezza senza età di Nadja Auermann, Yasmin Le Bon, Stella Tennant ed Eva Herzigova sono le modelle Liu Wen, Liya Kebede, Elisa Sednaoui e Amanda Murphy le nuove muse cosmopolite. La campagna, in bianco e nero, è stata scattata in Francia sulla Plage du Touquet, luogo iconico per Peter Lindbergh. Lo stilista italiano rinnova il sodalizio artistico con il celebre fotografo, il cui stile intenso e senza tempo esprime da sempre una forte affinità con i valori dello stilista.

“Ho voluto mostrare – spiega Armani – tipi diversi di bellezza, senza barriere, di quattro giovani donne che vivono tutte a loro modo il presente. Con il mio stile ho sempre voluto comunicare un’idea di eleganza concreta e reale, e questa campagna rinnova lo stesso messaggio con un senso di assoluta contemporaneità”.

Giorgio Armani ha segnato nel 2015 ricavi di gruppo per 2.650 milioni di euro, in aumento del 4,5% rispetto ai 2.535 milioni dell’anno prima, con una crescita che ha riguardato in maniera organica tutti i brand e i canali distributivi. Bene anche il margine operativo lordo (Ebitda), pari a 513 milioni, in linea coi 507 milioni del 2014. Resta poi importante la liquidità di cassa, che ha raggiunto i 640 milioni a fine dicembre. Per Giorgio Armani, presidente della casa di moda, “i buoni risultati conseguiti nel 2015 dimostrano ancora una volta la capacità del mio gruppo di confermarsi come leader del settore e punto di riferimento a livello globale”.

“Questi risultati sono frutto di un’attenta politica di diversificazione delle linee del gruppo – ha commentato Re Giorgio –  coniugata al coordinamento dei canali distributivi, alla valorizzazione del ruolo dei nostri partner commerciali e sostenuta da una spinta creativa abbinata a una strategia industriale equilibrata e orientata a creare qualità e valore duraturo”.