Simona Ventura, lettera di Stefano Bettarini: “Perché ti senti…”