Intervista a Ezio Marinato: tutta farina del suo sacco!

Pubblicato il 18 luglio 2016 16.43 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2016 16.43

Tags: , , , ,

 
Intervista a Ezio Marinato: tutta farina del suo sacco!

Roma – Intervista a Ezio Marinato: tutta farina del suo sacco!

(di Maria Antonella Calopresti)

Ben trovati cari amici di LadyBlitz! Oggi vi racconto del maestro pastry-chef Ezio Marinato. In internet si leggono molte notizie su di lui, ma tutte in merito alla sua professionalità. Io ho voluto intervistare anche l’uomo, il padre, il figlio,… .

Ezio Marinato è nato a Pordenone nel ’65 e vive a Cinto Caomaggiore. Lavora da quando aveva 14 anni nel panificio  che appartiene alla sua famiglia da tre generazioni. Ha iniziato  il nonno, poi il papà e adesso lui con le sue sorelle. Il lavoro in panificio non è stato amore a prima vista. Diciamo che è stato amorevolmente obbligato a seguirlo visto che l’attività era di famiglia. A 18 anni parte per il militare e questo lo matura al punto da comprendere che la scelta lavorativa, che i suoi genitori hanno fatto per lui, è giusta. Ezio è un giovane con mille sogni, tanta grinta e un progetto ben preciso: proseguire nell’arte di famiglia, ma nel migliore dei modi. Non si accontenta di ciò che gli viene insegnato dai suoi cari, ma frequenta corsi in tutta Italia per imparare il più possibile. Man mano che impara, comincia a ricercare il modo per migliorare le ricette e renderle più salutari e più buone per poi  raggiungere un’eccellenza su tutti i fronti. I suoi continui studi lo portano a diventare docente nelle più rinomate scuole italiane. Vince numerosi e prestigiosi premi e riconoscimenti. E’ vincitore dei CAMPIONATI EUROPEI DI PANIFICAZIONE  – Bulle (Svizzera) e vincitore del primo “MONDIALE GUSTO E NUTRIZIONE” di LIONE .

Dal 2007 fa parte del direttivo del RICHEMONT CLUB ITALIA come consigliere.

Nel 2010 entra a far parte del gruppo tecnico nazionale per la FIPPA

Queste sono solo alcune delle informazioni sul maestro perché il suo CV è veramente molto ampio.

Ma sentiamo cosa ci racconta di lui…

  • Ezio cosa vorresti dire ai giovani che si affacciano alla tua arte?

A loro voglio dire, soprattutto, che devono  essere mossi da passione perché nessun lavoro si può fare senza la passione. A questa devono aggiungere una grande dose di sacrificio e di studio. Senza lo studio non si può crescere.

  • I figli ti seguono in questa passione?

Io ho tre figli di 20, di 18 e di 12 anni, ma non  voglio forzarli a fare nessuna scelta. Se un domani qualcuno di loro dovesse scegliere di seguire la mia arte ne sarei felicissimo. Però preferisco che seguano i loro sogni e saperli felici.

  • Quante ore lavori al giorno.

Molte, almeno 15 ore al giorno tra negozio e corsi. Già all’alba sono al lavoro. Ma, devo dire che, nonostante la stanchezza, mi sento una persona molto fortunata perché ho un lavoro che amo e che ho trovato già pronto e per questo ringrazio sempre la mia famiglia che mi è sempre accanto.

  • Che rapporto hai con la tua famiglia? In genere non è facile lavorare con i familiari

Abbiamo un bellissimo rapporto  di affetto e  di stima e ciò ci permette di migliorare sempre di più le nostre prestazioni.

  • Adesso che sei un VIP dell’arte bianca ti capita di fare bassa manovalanza in negozio?

Non rinuncerei mai a mettere le mani in pasta: per me sarebbe impossibile! Ancora oggi, dopo tanti anni, mi emoziono davanti a un impasto e rimango estasiato a guardare il forno mentre i panettoni crescono e i pani cuociono. Ricorda che un vero maestro non deve mai perdere la manualità. Un vero maestro lavora sempre insieme agli altri.

  • Vogliamo parlare della tua ultima creazione? Il libro

Sì, ho fatto anche questa esperienza. Si intitola FARINA D’AUTORE. Per me è il quarto figlio ( lo dice ridendo) visto che, come ti dicevo, ne ho già tre meravigliosi.

In questo mio primo libro, faccio chiarezza su molte cose: dalla farina agli impasti dolci e salati. Tutto frutto di una vita di ricerche, di studi e di sacrifici. E’ edito da Italian Gourmet ed è in vendita anche online. Ringrazio gli amici e colleghi: Massimo Alajmo, David Bedu, Fabrizio Nonis, Josef Pascual per le dediche che hanno voluto regalarmi e che leggerete nelle prime pagina del libro.

La nostra chiacchierata finisce qui e devo dire che è stato un gran piacere parlare con il maestro Marinato. Una persona di grande sensibilità e disponibilità. Uno dei più grandi maestri italiani, non perché sia apparso in molti programmi televisivi ma proprio per la sua ricchezza umana e professionale.

Vi invito ad acquistare il suo libro perché, vi assicuro, non ne rimarrete delusi.

Italian Gourmet Shop On line

Profilo Facebook Ezio Marinato

Intervista a Ezio Marinato: tutta farina del suo sacco!

 

Link a Lady Kitchen