Allarme progetto pro-anoressia sul web: “Magra è meglio”