Categorie
video

Hatshepsut, donna faraone, passione fra le piramidi 3.500 anni fa

ROMA – Egitto, 1500 anni prima di Cristo. Una donna, la prima della storia, sale al trono. Il suo nome è Hatshepsut, “forte come un uomo, bella come una dea”, e sarà ricordata appunto come la “donna faraone”. A lei è dedicato l’ultimo libro di Roberto Giacobbo, noto conduttore di Voyager. O meglio alla passione proibita di Hatshepsut che, non solo seppe rivendicare il suo ruolo di comando ma creò la prima “famiglia di fatto” della storia, seppur osteggiata dai dignitari, portando con sé a corte il suo amante, Senenmut.

Il romanzo di Giacobbo è in realtà uno sorta di thriller storico ambientato ai giorni nostri. Tutto ha inizio con un furto: la mummia di Hatshepsut è stata trafugata dal Museo Egizio del Cairo e una guida turistica di nomeFranscesco Volterra, nel quale lo stesso Giacobbo riconosce alcuni tratti autobiografici, si ritrova suo malgrado coinvolto nel giallo. Da qui ha inizio un viaggio rocambolesco alla ricerca della verità, che porterà Volterra-Giacobbo a fare un salto indietro nel tempo per scoprire quello che sulla quarta di copertina è definito come “il più sconvolgente mistero dell’antichità”.

Il mistero che Hatshepsut e Senenmut decisero di rivelare ai posteri. La regina e il suo amante si conobbero quando lui la trasse in salvo dalle acque del Nilo, dove Hatshepsut stava annegando. Da quel gesto eroico sbocciò l’idillio, dal quale nacque anche una figlia. Hatshepsut non volle rinunciare al suo amore neppure quando divenne faraone: motivo per cui lo nominò prima architetto di corte, poi gran sacerdote, suo braccio destro, e gli affidò le cure della loro bambina.

Da quel momento in poi la loro relazione fu osteggiata da tutti i più alti funzionari, che già non vedevano di buon occhio una donna al potere. Con Senenmut, la regina condivise un grande segreto, il mistero che solo i faraoni potevano conoscere, sulle origini della civiltà egizia. Per vendicarsi dell’odio subito dalla casta sacerdotale, Senenmut decise di rivelare al mondo il grande segreto, nascondendolo sotto l’intonaco, nella sua tomba, unita da un cunicolo segreto a quella della sua amata.

Nel video di seguito. l’autore presenta il suo romanzo:

1 risposta su “Hatshepsut, donna faraone, passione fra le piramidi 3.500 anni fa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.