Categorie
musica

Lady Gaga "ruba" il designer a Madonna

Torino – Dopo il plagio delle canzoni e la lotta per accaparrarsi i modelli più cool del momento per i loro videoclip, ecco lo scontro sull'arredamento. I colpi dell'amichevole querelle tra Madonna e Lady Gaga, finora 'suonati' sulle note del confronto tra 'Born this way' ed 'Express yourself', non accennano a placarsi e si spostano, questa volta, nel campo del design. Secondo quanto riportato dal sito 'Gossipfacile', pare, infatti, che lady Germanotta, alle prese con la scelta dei migliori pezzi d'autore presenti sul mercato per completare gli arredi della sua nuova villa a Hollywood, non abbia tradito il ruolo di antagonista di miss Ciccone, sguinzagliando i membri del suo staff a caccia di novità al salone del mobile in corso a Milano.

La 'Haus of Gaga' s'indirizza malignamente, infatti, su un tipo d'arredamento molto simile a quello utilizzato da Madonna per la sua residenza newyorkese. Ma non finisce qui: i più pettegoli tra i tabloid americani, continuamente alle calcagna delle due star, assicurano che l'imitazione non si limiterebbe allo stile, ma, addirittura, riguarderebbe alcune creazioni di design assolutamente identiche, facendo emergere molte indiscrezioni sulle caratteristiche dei pezzi che le due cantanti si sarebbero 'rubate' a vicenda, oltre che sui nomi dei designer coinvolti. Tra gli oggetti al centro di questa speciale contesa giocata, tra linee e materiali, 'coast to coast', ci sarebbero, ad esempio, una poltrona di tessuto color panna firmata dal francese Eugene Printz, considerato uno fra i maggior rappresentanti dell'Art Deco, un set di tavolo e sedie in legno di Jean Pascaud, pezzo forte della sala da pranzo di Madonna, e un grande specchio Modani, che, con il suo stile contemporaneo e moderno, avrebbe già incantato altri pezzi da novanta della musica statunitense come il rapper P. Diddy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.