Categorie
musica

Giorgia: “Io a un talent? Non potrei mai”

PADOVA – Sempre in forma, con un modo di parlare, di muoversi e di sorridere spontaneo che non può non risultare simpatico, Giorgia si è raccontata alla stampa dietro il palco del Palafabris di Padova, da dove è partito il suo “Senza paura” tour. E gran parte della chiacchierata è girata intorno alle sue paure, a quelle che è riuscita a superare in questi vent’anni di carriera, da quando presentò “E poi” nella sezione Nuove Proposte del festival di Sanremo.

“Per questo ho voluto dedicare un medley giocoso con i brani che andavano forti nel 1994″, ha spiegato la cantautrice, “così ci sono “Serenata rap” di Jovanotti, “Strani amori” della Pausini e anche “The Rythm of the night” di Corona”. E poi la paura di mettersi a nudo, metaforicamente e realmente, come nel nuovo video di “Non mi ami” che ha fatto discutere nei giorni scorsi, non tanto perché Giorgia appaia senza veli quanto per il significato che gli è stato attribuito: “È stato scritto che era un video contro la violenza sulle donne – ha specificato – mentre non è proprio così. Un tema così delicato avrebbe richiesto tutt’altro trattamento, ho cercato di smentire ma non è stato facile. In quel video volevo semplicemente concedermi un momento di sensualità a 43 anni per dimostrare che non bisogna sempre nascondere i propri difetti. Certo è facile mettersi a nudo a 20 anni, poi…”.

Nella scaletta del concerto appare anche “Marzo”, canzone dedicata ad Alex Baroni, ex fidanzato di Giorgia e cantante scomparso nel 2002: “Per molti anni non me la sono sentita di affrontarla dal vivo ma ora è diverso – ha rivelato la cantautrice – avevo fatto poi un sondaggio su Facebook per sapere quali fossero per i fan le cinque canzoni da non escludere mai in concerto e “Marzo” tornava sempre perciò ho deciso di rifarla anche per rendere omaggio a lui come artista”. “In generale – ha proseguito Giorgia – ora mi sento più sicura, più a fuoco, la musica offre sicuramente la possibilità di trasformarsi”.

Date le sue capacità di “bucare lo schermo” più volte notate in televisione, Giorgia non potrebbe partecipare a un talent-show? “Mi è stato chiesto ma non me la sento. Non riuscirei mai a mandare via qualcuno, dopo dovrei fare terapia per riprendermi – ha scherzato – non è perché non voglio trasferirmi a Milano che comunque mi piace. Anzi, la spiego con una battuta di Carlo Verdone nel film “La Grande Bellezza”: “Roma mi ha deluso”. Non per colpa sua, è stata tagliata via completamente dalla discografia. Quel film mi è piaciuto per molti aspetti. Anche l’atmosfera di quelle feste romane è veritiera: stordirsi per non pensare. Che coltellata, comunque, per una romana come me”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.