Daft Punk: “Elettronica di oggi è come un energy drink”

Daft Punk: "Elettronica di oggi è come un energy drink"

ROMA – ”L’elettronica di oggi è come un energy drink, aggressiva, iperstimolante. Ma alla fine smuove poco o niente a livello emotivo. La nostra musica sta all’elettronica di oggi come l’erotismo sta alla pornografia”. A parlare sono i Daft Punk al mensile Rolling Stone in edicola dal 29 giugno. Negli ultimi 20 anni hanno cambiato il volto della musica dance planetaria. E ora con Get Lucky i due robottoni parigini hanno azzeccato pure il tormentone dell’estate.

Guy-Manuel de Homem-Christo e Thomas Bangalter, amici da una vita, indicano la stanza senza finestre in cui – dal 2008 a oggi – hanno passato un incalcolabile numero di ore chini sui sintetizzatori, perfezionando il loro nuovo album Random Access Memories: ”E comunque, noi stiamo sempre chiusi là dentro. La musica elettronica – spiega Bangalter – oggi si è ritirata in una specie di comfort zone. E questo non va bene”.

Per i Daft Punk ”l’elettronica è in crisi, una crisi di identità. Ascolti un pezzo e ti chiedi: di chi è? Non c’è una firma. Tutti hanno a disposizione gli stessi strumenti, e tutto suona come se fosse stato fatto con l’iPad. Se tutti sanno qual è il trucco, la magia è finita”.

Negli anni ’90, ai tempi dei loro esordi, Thomas e Guy-Manuel erano soliti presentarsi alle interviste e agli shooting fotografici indossando maschere di Halloween o addirittura dei sacchi neri. Poi sono arrivati i caschi da robot: secondo Bangalter, ”i caschi hanno fatto dei Daft Punk qualcosa di molto simile a Andy Warhol, un mix di produzione seriale e arte. Fra l’altro, su eBay è pieno di caschi dei Daft Punk fatti in casa. Ma hanno tutti le proporzioni sbagliate!”.

Potrebbero interessarti anche...