Categorie
fichera

Spaghetti con la ” neonata”

Sono stato a Catania, mia città natale, per la festa di S.Agata. Non ci mettevo piede da più di 20 anni, per paura di non riconoscere più i miei luoghi della memoria… ville liberty demolite per far posto a orrende palazzine variopinte con infissi in alluminio anodizzato, negozi e i bar storici di via Etnea trasformati in jeanserie o monomarche internazionali, insomma nessun ritegno nel trasformare una città storica in una brutta copia di qualsiasi città periferica per cultura e per gusto.
L’unica cosa che la salva è il suo feroce attaccamento alle tradizioni culinarie , che come sempre rimangono vive, immutabili e soprattutto incontaminate negli anni.
E così, facendo una sorta di pellegrinaggio tra il mercato del pesce agli ” Archi della marina” e la “Fera o lune” ho ritrovato gli stessi banchi di frutti di mare, in cui primeggiavano gli “occhi di bue” o di frutta e verdura coi “ broccoli bastardi” dal fiore violaceo e gli “aranci tarocchi della piana”, disposti a piramide come le “olive cunzate” roba, non a caso, da suk mediorientale.
E incuranti di una miriade di negozietti cinesi, sorti loro intorno come i funghi, nei quartieri popolari rimangono intatte solo qualche “ Putia” (trattoria) o friggitorie dove gustare crispelle di ricotta o di acciughe, arancini , pizze fritte , o gli squisiti “ cacocciuli rustuti” (carciofi arrostiti, farciti con olio, sale aglio e prezzemolo) cotti all’esterno alla brace, che spandono il loro odore tra i vicoli affollatissimi per la festa della patrona.
E’ appunto in una Putia che ho riassaggiato la pietanza che oggi vi descrivo, che nella sua semplicità e rapidità di esecuzione raggiunge per me vette di alta cucina…. Ma forse sarà la memoria a influenzarmi.
Ingredienti per 4 persone:
g. 500 di “neonata”( bianchetti) costo € 7,00
4/5 pomodorini Pachino, olio evo, aglio, peperoncino, prezzemolo , 2/3 acciughe costo € 2,50
g.500 di spaghetti n° 5 costo € 0,50
kal. pro capite 300 costo totale € 10,00

Mettete a bollire gli spaghetti in abbondante acqua, salandola appena bolle. In una padella di alluminio col manico, riscaldate l’olio e le acciughe , pestandole con una forchetta fino a che non si sfaldino del tutto, aggiungete l’aglio e il peperoncino e subito dopo i pomodorini Pachino, che avrete precedentemente pelato, sbollentandoli un po’ e tagliati a pezzetti molto piccoli. Scolate gli spaghetti al dente e aggiungete la neonata a crudo a cui avrete aggiunto anche dell’olio per distaccare un pescetto dall’altro. Un po’ di schiuma dell’acqua di cottura e qualche “ arriminata”, al salto, con la padella compirà il miracolo di amalgamare il tutto in pochi secondi. Prezzemolo tritato finemente a volontà e servite caldi.
“Cittadini evviva Sant’Agata”…si sente gridare dai catanesi in processione al seguito delle “Candelore”… ed io ritorno bambino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.