Categorie
cultura

#RomaBarzotta, Davide Desario: vizi e virtù di una città mozzafiato e cialtrona

ROMA – Mozzafiato e caotica, affascinante e cialtrona, romantica e sciatta. In una parola “barzotta”, cioè sempre a metà, né cruda né cotta come un uovo alla coque, appena appena rappreso ma non sodo. Così è Roma per Davide Desario, giornalista del quotidiano Il Messaggero, che alla città eterna ha dedicato il suo ultimo libro intitolato appunto #RomaBarzotta, con tanto di hashtag teso a rilanciare un dibattito virtuale, un invito ai lettori affinché condividano le loro idiosincrasie con questa città meravigliosa e imperfetta.

Del resto è dal web che tutto è partito: il libro è una raccolta dei corsivi di Desario apparsi sul Messaggero nella sua rubrica Senza Rete, spunti presi a prestito di volta in volta da un tweet o da un post su Facebook e poi dibattuti sulla prima pagina della Cronaca di Roma. Di qui l’hashtag davanti al titolo: “Un modo – spiega lo stesso autore – per chiudere il cerchio”, per tornare nell’arena pubblica della rete che è stata per lui fonte inesauribile di ispirazione.

Negli oltre cento mini affreschi che compongono il libro c’è tutta la Roma che siamo abituati a conoscere, coi suoi scorci bellissimi e le sue code asfissianti. Roma che ti abbraccia in un tramonto commovente e poi ti prende a schiaffi lasciandoti intrappolato per ore sul Grande Raccordo Anulare. Roma che ti seduce coi suoi orizzonti di pini marittimi contro il cielo rosa di una sera di fine estate. E pochi giorni più tardi ti abbandona mentre cerchi disperatamente parcheggio nella stessa crudele cornice. Roma che quando i primi weekend di giugno ti metti in coda sulla Cristoforo Colombo in direzione del mare, faresti prima a viaggiare in direzione opposta, attraversare l’Appennino e farti un tuffo nell’Adriatico. Rientrando a casa a un’ora ragionevole, comunque prima di chi è rimasto lì a far la fila in un mare di macchine. Roma che ti imprigiona nella calca dei bus superaffollati e senza corsia preferenziale. Roma museo a cielo aperto offeso dal degrado. Roma palindroma, che “se la leggi al contrario diventa amor”. Roma lassista e cialtrona, ma anche generosa e caciarona, pure quando è giorno di cortei e scioperi. Roma eterna adolescente che proprio non ce la fa a prendersi sul serio.

#RomaBarzotta è un libro amaro e ironico che descrive la fatica (ripagata) di vivere a Roma. La canzone omonima (nel video qui sotto) è stata scritta da Simone Carbone, aka Saide, rapper appena 18enne di Casalpalocco. Con lui in sala di registrazione per confezionare il booktrailer, oltre a Desario, sono entrati pure l’attore e presentatore Max Giusti, il rocker Marco Conidi, il comico Max Paiella, il giornalista Massimo Caputi.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.