Categorie
cultura

Libri, i più letti del 2014. In testa Zusak, Gramellini-Gamberale e Carofiglio

Tra i buoni propositi per l’anno nuovo non può certo mancare quello che è stato anche il monito del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, che qualche giorno fa agli studenti del forum Skuola.net raccomandava: “Ragazzi, leggete”.

Più libri sul comodino, dunque, e per cominciare perché non recuperare tutti quelli che ci siamo persi dell’anno passato. Ecco allora la classifica dei libri più venduti, e presumibilmente più letti, in Italia nel 2014.

1) Storia di una ladra di libri (Frassinelli) di Marcus Zusak. Il romanzo è ambientato in Germania, durante la Seconda Guerra Mondiale. Una storia d’amore tra la piccola protagonista Liesel Meminger e i suoi libri, strappati ai roghi dei nazisti. Le parole stampate diventano per lei un talismano contro l’orrore che la circonda.

2) Avrò cura di te (Longanesi) romanzo epistolare a quattro mani di Massimo Gramellini e Chiara Gamberale. Secondo la classifica Tutto Libri del quotidiano la Stampa, è questo il libro più letto del 2014. Se non altro il più regalato, dal momento che proprio in queste settimane ha scalato tutte le classifiche. La notte di San Valentino, Giò, 35enne abbandonata dal suo grande amore e con una storia familiare complicata alle spalle, trova un biglietto che sua nonna aveva scritto all’angelo custode, per ringraziarlo. Con lo sconforto, ma anche il coraggio, di chi non ha niente da perdere, Giò ci prova: scrive anche lei al suo angelo. Che, incredibilmente, le risponde. E le fa una promessa: avrò cura di te.

3) La regola dell’equilibrio (Einaudi) di Gianrico Carofiglio. Ritorna in scena Guido Guerrieri, avvocato inquieto e personaggio prediletto dai lettori di Carofiglio. Questa volta Guerrieri mette i suoi servizi a disposizione di un vecchio compagno di studi, ora magistrato all’apice della sua carriera, improvvisamente stroncata dalla peggiore delle accuse, quella di corruzione. A complicare le cose contribuisce una detective privata, molto ma molto avvenente, che se ne va in giro con una mazza da baseball.

4) Diario di una schiappa (Il Castoro) di Jeff Kinney. Altissima new entry dalla narrativa per ragazzi, l’ottavo libro della saga ideata e disegnata da Jeff Kinney, racconta con grande ironia le sfortunate vicende di un ragazzino di undici anni di nome Gregory Heffley, detto Greg. Frequenta la prima media e considera la scuola media la cosa più stupida che sia mai stata inventata. Il suo migliore amico Rowley lo ha piantato in asso per trascorrere le giornate con la sua prima fidanzatina. E Greg per migliorare la sua sorte, decide di affidarsi alla “Palla magica”.

5) I tre giorni di Pompei (Rizzoli) di Alberto Angela. 24 ottobre del 79 d.C. sembra un venerdì qualsiasi a Pompei, una città abitata da circa dodicimila persone che lavorano, vanno alle terme, fanno l’amore. Alle 13 di quel tragico venerdì, dal vicino Vesuvius si sprigiona una quantità di energia pari a cinquantamila bombe atomiche. Migliaia di uomini e donne cercano la fuga da quella morte orribile, invocando gli dèi, e in meno di venti ore, sotto un diluvio ustionante di ceneri e gas, Pompei e la vicina Ercolano sono sepolte sotto metri di pomici e fango.

6) L’incredibile Urka (Mondadori) di Luciana Littizzetto. Quando si arrabbia, Lucianina diventa verde, come Hulk. E di questi tempi, di motivi per incavolarsi ce ne sono a bizzeffe. Per una sana e liberatoria risata di fine anno leggiamo:

“Piccole donne s’incazzano. Perché siam buone e care, ma anche al balengo c’è un limite. E a un certo punto i nervi escono dalla guaina. Per esempio, quando scopriamo che anche gli idoli cadono: Giorgione Clooney si è sposato, e non con me. Niente più Martini, niente più party. Banderas prima affettava le mutande di Catherine Zeta-Jones con la spada e adesso impasta taralli. E Kevin Costner balla coi tonni. Anche Hollande impazzisce per la Jolanda, confermando la legge della fisica per cui tir plus un pluc degnoc che due Renault. Gli uomini d’altra parte non sono mai maturi… Passano dall’essere acerbi all’essere marci. Come i cachi. Oppure quando, forse per confermarci in che periodo siamo e da che cosa siamo sempre più sommersi, scopriamo la moda del caffè ricavato dalla cacca di animale, praticamente il caffè defecato, il Nescaghè. Per non parlare di quelle scienziate indonesiane che con la cacca ci hanno fatto un profumo, un Popò Chanel”.

7) Il dio del deserto (Longanesi) di Wilbur Smith. A 81 anni suonati e con ben 123 milioni di copie vendute in tutto il mondo, il campione di bestsellers torna in libreria con il quotino episodio della sua saga di avventure ambientata nell’antichità. Il primo romanzo della serie fu Il dio del fiume, edito da Longanesi 21 anni fa. Il protagonista è sempre Taita, sapiente al servizio del faraoni, ora alle prese con l’invasione degli Hyksos. Per trovare nuovi alleati contro quei nemici, il saggio parte per un viaggio che lo porterà prima a Babilonia, in Fenicia e infine nella Creta di Minosse.

8) La guerra dei nostri nonni (Mondadori) di Aldo Cazzullo. La Grande Guerra fu la prima vera sfida dell’Italia unita, e fu vinta. In questo libro, Cazzullo veste i panni di un cronista per raccontare il conflitto del 15-18 sul fronte italiano. E lo fa collezionando storie di gente comune, i nostri nonni. Storie di dolore, di denunce e di happy ending. Ma soprattutto storia dell’inizio della libertà per le donne, che dimostrarono in quegli anni di poter fare le stesse cose degli uomini: lavorare in fabbrica, guidare i tram, laurearsi, insegnare.

9) Morte in mare aperto e altre indagini del giovane Montalbano (Sellerio) di Andrea Camilleri. Otto racconti ambientati negli anni Ottanta. Protagonista un giovane Montalbano, il commissario audace e senza macchia, più impulsivo rispetto all’uomo maturo a cui siamo abituati. Affresco di un’Italia misteriosa, in cui la mafia torna ad alzare la testa e posa la sua lunga mano su droga, abusivismo, appalti e rapimenti.

10) I segreti di Gray Mountain (Mondadori) di John Grisham. La crisi finanziaria del 2008 fa capolino anche nel mondo legal thriller di Grisham. A causa del fallimento della Lehman Brothers, una brillante avvocatessa di New York si ritrova all’improvviso ad accettare un posto di stagista in una sperduta cittadina sulle Appalachian Mountains. Qui la vita sembra un po’ meno allegra che a Manhattan, e i clienti non sono banchieri ma minatori. E dovrà fare i conti con segreti che forse era meglio non svelare.

La classifica è liberamente tratta dalle segnalazioni dei libri più venduti nelle librerie Mondadori e Feltrinelli e quella di Tuttolibri del 22 dicembre 2014. Buona lettura e buon 2015!!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.