Categorie
cultura

Keith Haring 1978-1982 retrospettiva al Brooklyn Museum

NEW YORK – Keith Haring: 1978-1982 è la retrospettiva recentemente inaugurata al Brooklyn Museum di New York volta a sottolineare i primi e fondamentali anni dell’artista americano scomparso nel 1990.
Vasto il materiale esposto: 155 lavori su carta, sette video sperimentali e più di centocinquanta oggetti provenienti dal suo archivio, compresi i quaderni per schizzi, disegni con gesso e reperti fotografici.

Le opere esposte non sono direttamente riconducibili al periodo più colorato e Pop a cui siamo abituati. Lo stile è più scarno e differente; alcuni lavori non sembrano nemmeno realizzati dalla stessa mano.
Haring, appena 22enne, si era da poco trasferito nella Grande Mela per seguire i corsi d’arte.

Molto prima quindi di incontrare Warhol e Basquiat, prima di lavorare con Madonna e diventare un punto di riferimento per l’arte mondiale e la Street Art partecipando a veri e propri tour mondiali che lo portarono anche in Italia.

Nel 1985 è a Milano, ospite di Elio Fiorucci che per l’occasione gli regala un’intera parete del suo negozio.
In un’intervista al mensile Stilearte, raccontò così quella esperienza:

“Invitai Haring a Milano, stregato dalla sua capacità di elevare l’estemporaneità ai gradini più alti dell’arte. Egli diede corpo ad un happening no stop, lavorando per un giorno e una notte. I suoi segni invasero ogni cosa, le pareti ma anche i mobili del negozio, che avevamo svuotato quasi completamente.

Fu un evento indimenticabile. Io feci portare un tavolone, fiaschi di vino, bicchieri. La gente entrava a vedere Keith dipingere, si fermava a bere e a chiacchierare. Ventiquattr’ore di flusso continuo; e poi i giornali, le televisioni… In seguito, i murales sono stati strappati e venduti all’asta dalla galleria parigina”.

Un talento inesauribile e una vita a totale servizio dell’arte e della voglia di comunicare quello che diventò un vero e proprio linguaggio; Haring rifacendosi ai graffiti primordiali, sviluppò da zero un alfabeto di segni completo dei quali si serviva per comporre le proprie opere.

Mi è sempre più chiaro che l’arte non è un’attività elitaria riservata all’apprezzamento di pochi. L’arte è per tutti, e questo è il fine a cui voglio lavorare.

Per tutti quelli che non riusciranno a vedere la mostra dal vivo, potranno seguirla on line: il Brooklyn Museum ha infatti aperto un Tumblr sul quale pubblicherà ogni giorno fino alla fine della mostra l’8 di Luglio, una pagina del diario personale dell’artista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.