cultura

500 nuove favole scoperte in un archivio in Germania

King Golden Hair

Un intero mondo di animali magici, di coraggiosi giovani principi e di streghe cattive è venuto alla luce con la scoperta di 500 nuove favole, che sono stati rinchiuse in un archivio a Regensburg, in Germania, per oltre 150 anni. I racconti sono parte di una raccolta di miti, leggende e fiabe, fatta dallo storico Franz Xaver von Schönwerth (1810-1886) nella regione bavarese di Oberpfalz, circa nello stesso tempo in cui i fratelli Grimm stavano raccogliendo le fiabe che hanno affascinato adulti e bambini di tutto il mondo.

Lo scorso anno, la curatrice culturale dell’Oberpfalz, Erika Eichenseer, ha pubblicato una selezione delle fiabe provenienti dalla raccolta di Von Schönwerth  chiamando il libro Prinz Roßzwifl, termine che in dialetto locale significa “scarabeo”. Lo scarabeo, conosciuto anche come lo “scarabeo stercorario”, seppellisce il suo bene più prezioso, le sue uova, nel letame, che poi rotola in una palla con le sue zampe posteriori. Eichenseer vede questo come simbolico per le fiabe, che ritiene il tesoro più prezioso che l’uomo conosca: la conoscenza e la saggezza antica contribuiscono allo sviluppo umano.

Von Schönwerth aveva trascorso decenni interrogando contadini, operai e servi sulle abitudini locali, le tradizioni, le usanze e aveva messo sulla carta ciò che fino ad allora era solo stato trasmesso di bocca in bocca. Nel 1885, Jacob Grimm disse di lui: “In nessuna parte della Germania esiste una raccolta fatta in modo così accurato, approfondito e con un orecchio altrettanto sensibile.” Grimm è arrivato al punto di dire a re Massimiliano II di Baviera che l’unica persona che avrebbe potuto sostituirlo nel lavoro suo e di suo fratello era Von Schönwerth.

Von Schönwerth ha raccolto la sua ricerca in un libro intitolato Aus der Oberpfalz – Sitten und Sagen (Costumi e leggende dell’Alto Palatinato), che è uscito in tre volumi nel 1857, 1858 e 1859. Il libro non ha mai acquistato fama ed è caduto nel dimenticatoio.

Mentre setacciava il lavoro di Von Schönwerth, Eichenseer ha trovato 500 fiabe, molte delle quali non compaiono in altre collezioni europee di favola. Ad esempio, vi è la storia di una fanciulla che fugge da una strega, trasformandosi in uno stagno. La strega si sdraia poi sulla pancia e beve tutta l’acqua, inghiottendo la ragazza, che usa un coltello per ritagliarsi la strada per uscire della strega. Comunque la collezione comprende anche le versioni locali di racconti con cui sono cresciuti  i bambini di tutto il mondo come Cenerentola e Rumpelstiltskin, e che appaiono in molte versioni differenti in tutta Europa.

Von Schönwerth era uno storico e registrato fedelmente ciò che ha sentito, facendo alcun tentativo di mettere un gloss letterari su di esso, che è dove si differenzia dai fratelli Grimm. Tuttavia, dice Eichenseer, questa registrazione di fatto si aggiunge al fascino e l’autenticità del materiale. Che delizia il suo più sulle storie è che sono rozzo. “Non c’è romanticismo o tentativo da parte Schönwerth di interpretare o sviluppare il proprio stile,” dice.

Eichenseer dice che le fiabe non sono solo per i bambini. “Il loro scopo principale era quello di aiutare i giovani nel loro cammino verso l’età adulta, mostrando loro che i pericoli e le sfide possono essere superate attraverso la virtù, la prudenza e coraggio”.

Nel 2008, Eichenseer ha contribuito a fondare la “Franz Xaver von Schönwerth Society”, un comitato interdisciplinare dedicato ad analizzare il suo lavoro e pubblicizzarlo. Lei è ansiosa di vedere i racconti disponibili in inglese, e a Monaco un  traduttore inglese, Dan Szabo, ha già iniziato a lavorare sulle storie.

“L’eredità di Schönwerth è considerata la raccolta più significativa nel mondo di lingua tedesca del diciannovesimo secolo”, afferma Daniel Drascek, un membro del comitato, professore alla facoltà di Scienze del linguaggio, di cultura e letteratura presso l’Università di Regens.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.