Categorie
cronaca

Vladimir Luxuria: “Mi prostituivo. Volevo uccidermi”

ROMA – “Nella mia vita ho avuto un momento di sbandamento generale e ho fatto uso di sostanze per un breve periodo. Ho provato anche la cocaina, certo. Non mi ricordo più l’effetto, solo una sensazione sgradevole. Ho fatto anche la prostituta, ed è una cosa di cui mi pento, una cosa contraria al senso di dignità del mio corpo e della mia persona. L’ho fatto per pochi mesi. In quel periodo bruttissimo della mia vita ho pensato al suicidio, non vedevo un futuro, mi hanno ripresa per i capelli”. Vladimir Luxuria a La Zanzara, su Radio 24, racconta il suo passato turbolento.

“Pensavo di farla finita – dice ancora – con l’assunzione di alcune sostanze, per fortuna ho ritrovato una forza interna“. Luxuria attacca poiAlain Delon dopo alcune sue affermazioni sui gay: “Se non avesse fatto sesso con Luchino Visconti non avrebbe neanche fatto Rocco e i suoi fratelli. E’ omofobia interiorizzata. Dopo i pentiti di mafia adesso ci sono pure i pentiti di omosessualità. Lo sanno tutti che andava con Visconti…”.

Quindi su Umberto Veronesi, che immagina un mondo dove domineranno i bisessuali: “Spero non abbia ragione lui. A me piacciono gli uomini maschi, non mi accoppio con quelli come me. Sogno un mondo con la liberazione sessuale non quello dove sparisca l’eterosessualità. Non mi piace l’uomo effeminato”. Quindi precisa: “La conduttrice tv del mio romanzo è un personaggio totalmente inventato. Non c’è nessun riferimento a persone reali, l’obiettivo non era sputtanare qualcuno ma scrivere una storia”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.