Selena Gomez usa queste maschere occhi al cetriolo da 3,99 euro

Selena Gomez rompe i pregiudizi sulla salute mentale nel documentario “My Mind and Me”

21 Novembre 2022 - di Claudia Montanari

La vulnerabilità di Selena Gomez è ciò di cui avevamo bisogno per rompere i pregiudizi sulla salute mentale. L’artista non si nasconde e nel documentario ‘Selena Gomez: My Mind and Me’, parla e mostra (in modo più trasparente che mai) le sue emozioni per sbloccare ricordi e aiutare gli altri

A prima vista, diverse scene del documentario possono generare nello spettatore un sentimento generale di amore-odio nei confronti dell’immagine dell’artista. Infatti, assistiamo a continui pianti e urla dietro le quinte, risposte intransigenti, mancanza di rispetto nei confronti dei professionisti con cui lavora e sguardi o gesti che potrebbero ben denotare l’immagine di frivolezza costruita intorno alla fama e al successo. Immagini che ci fanno spesso dubitare se provare empatia o meno nei confronti di Selena Gomez.

Eppure, bisogna andare più a fondo. Selena Gomez infatti è una di quelle persone su 8 che soffrono di un disturbo di salute mentale nel mondo, una cifra verificata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lo scorso giugno. Non solo. Nello specifico, Selena Gomez appartiene ai 140 milioni di individui con diagnosi di disturbo bipolare, e ai 5 milioni noti per avere il lupus (il 90% dei quali sono donne) e ai 280 milioni che hanno cercato aiuto per combattere la depressione ogni giorno.

Inoltre, sebbene senza dati ufficiali che possano parlare in cifre, è uno dei personaggi pubblici più seguiti dai media. Forse allora qualsiasi comportamento che non ci piace da parte dell’artista nasconde significati profondi.

Rendere visibile la salute mentale

Da quando ha confessato di aver ricevuto un trapianto di rene a causa del suo lupus e di aver avuto diagnosi di bipolarismo, Selena Gomez ha smesso di nascondere le sue emozioni. Ha mostrato con orgoglio la sua cicatrice in diverse fotografie, lanciando un messaggio body-positive. In numerose interviste ha ammesso di avere come obiettivo quello di rendere visibile il più possibile il problema della salute mentale, e lei stessa ha fondato il Rare Impact Fund e Wondermind, due iniziative di cura del benessere che contano già milioni di follower.

Tuttavia, la sua dichiarazione più sincera è arrivata ora, con la presentazione di questo documentario. È un gesto gentile di empatia e una generosa esposizione del suo lato più privato e oscuro. Nel documentario non crea una narrazione vicina al vittimismo, piuttosto è un’accusa sulla vulnerabilità.

Stravolge il concetto e si affida al regista Alek Keshishian per mostrare come questa presentazione dei suoi momenti più difficili possa essere diventata la sua più grande forza, un modo per definire la figura che è oggi. E Apple TV + (la piattaforma che trasmette il documentario) l’ha inserita anche nella sezione “donne straordinarie “. E non c’è da stupirsi, perché, come lei stessa ha confessato anche a Jay Shetty in una delle ultime puntate del podcast On Purpose, la produzione è un tentativo di sbloccare i ricordi e aprire una nuova strada in cui non hanno più posto.

È così che costruisce una storia che rafforza l’importanza di rendere la salute mentale un problema concreto per tutta la società, ma questa volta nella sua visione più onesta e profonda mostrando i lati negativi della fama.

Ansia, depressione e tentativi di suicidio

Selena Gomez: My Mind and Me è uno sguardo straziante e senza precedenti sulla vita della cantante durante gli ultimi sei anni della sua vita. In un viaggio dagli inizi del suo Revival Tour -che ha cancellato a causa dei suoi alti livelli di ansia e depressione- fino alla sua guarigione e all’incontro con Joe Biden alla Casa Bianca, rompe tutti gli stereotipi che avremmo potuto pensare di lei, se non fosse che lei stessa si è aperta sul canale con tutti i suoi fan, più e più volte, parlando pubblicamente e lanciando diverse iniziative sulla salute mentale.

Uno dei comportamenti che più attira l’attenzione da quella fase è la sua incapacità di svegliarsi ogni mattina e la profonda stanchezza che la perseguita a tutte le ore. Vediamo l’artista più e più volte sdraiato a letto, addormentato o piangente. Si sveglia dieci minuti prima della seduta di trucco, chiude gli occhi per riposare mentre lo preparano, si sdraia in macchina per dei brevi sonnellini e, dopo aver lasciato interviste e video promozionali che fa a malincuore, si bagna di lacrime.

Nonostante il continuo impegno del suo team e l’importante ruolo che la sua amica Raquelle Stevens gioca in questa storia, non crede mai di essere abbastanza, e torna ancora e ancora a pensare alla Selena del passato, che la genera una profonda frustrazione difficile da comprendere per tutti coloro che non l’hanno vissuta. Sono i sintomi della sua malattia e del suo disturbo: attacchi di panico, voci che sente nella testa, psicosi, il desiderio di scomparire e la ricerca di conferme esterne come ricompensa.

Selena Gomez e il perdono di se stessa

Come possiamo vedere dopo le successive dichiarazioni che ha fatto, la storia di Selena definisce anche una storia sul perdono, un perdono che finalmente ottiene con se stessa. Per raggiungere questo obiettivo, ha attraversato non meno di quattro centri psichiatrici. Ora si prende cura della sua salute mentale seguendo le cure adeguate, praticando un po’ di esercizio fisico, stando lontano dai social (il suo profilo Instagram è gestito dal suo team) e andando in terapia.

Il plauso più grande per il documentario e per ciascuno degli eventi pubblici che ha realizzato parlando delle sue emozioni passa attraverso la demistificazione del mito. Selena Gomez ha svolto un magnifico lavoro mostrando le prove e gli errori che ogni essere umano, indipendentemente dalla classe e dalla posizione, deve affrontare ogni giorno della propria vita.