Categorie
celebrity

Romina Power difende Raz Degan: il gesto social che spiazza

LOS ANGELES – Romina Power difende l’amico Raz Degan, furioso dopo alcune foto pubblicate dal settimanale italiano Chi in cui si mostra in teneri atteggiamenti con la sua storica ex, Paola Barale. L’attore e regista israeliano ha scelto Instagram per esternare il suo dissenso verso quelle foto, che alludono a un sentimento d’amore che evidentemente non corrisponde a quanto scritto. Raz ha citato niente meno che Fedor Dostoevskij. “Hai mai notato che quando qualcuno dice che dispiace dire qualcosa, in realtà non vede l’ora di dirlo?” si legge nel post, indirizzato ad Alfonso Signorini, direttore di Chi. Ma ecco che in difesa di Raz arriva anche Romina Power, attraverso un commento sotto la foto di Degan.

“Sappiamo tutti che buca che è Signorini”, scrive Romina, probabilmente alludendo al fatto che il gossip di Chi è infondato. D’altra parte l’ex moglie di Al Bano non ha mai nascosto la sua ostilità bei confronti di chi specula sulla sua vita. Nel suo caso il dito è puntato contro chi ha scritto cose non vere sulla scomparsa di sua figlia, così come sulla sua relazione con l’ex marito. Probabilmente però ciò che ferisce Romina è il modo in cui la stampa italiana ha trattato l’argomento e nel 2015 si è lasciata andare in una lettera-sfogo in cui si scaglia contro certi tipi di notizie che puntano sul sensazionalismo “pur di vendere e guadagnare”. Ecco le sue parole:

“Basta! Cara stampa, torno in Italia per rimanere paralizzata davanti a un’edicola. Ci sono tante disgrazie nel mondo quotidianamente, ma, consapevolmente speculare sul dolore altrui, lo trovo la più grande bassezza. Si dà per certo ciò che non lo è, pur di fare del becero sensazionalismo, pur di vendere e guadagnare qualche sporca moneta. Chi compila quelle “notizie” avrà pure una famiglia, avrà pure un po’ di empatia, come si fa a non avere più cuore? Un cuore per una famiglia che soffre da anni. Basta speculazioni! Basta attività! Una madre chiede, anzi impone, il silenzio stampa. Per mia figlia, la mia Ylenia Carrisi. Basta!”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.