Oscar 2015, chi è Julianne Moore, miglior attrice protagonista per “Still Alice”

Oscar 2015, chi è Julianne Moore, miglior attrice protagonista per "Still Alice" 1

LOS ANGELES – Oscar 2015 (Vedi anche: tutti i vincitori), chi è Julianne Moore. E’ lei la miglior attrice protagonista. Per la pellicola “Still Alice“, la 54enne ha già vinto ai Golden Globe, ai Sag Award e ai britannici Bafta. Moore ha dato volto con incredibile intensità alla storia di una cinquantenne colpita da Alzheimer precoce. “Per prepararmi ho incontrato donne malate e fatto un test di memoria”, ha spiegato a Vanity  Fair. “La più grande attrice americana vivente che non ha ancora vinto un Oscar”, così Wash Westmoreland, coregista con Richard Glatzer di “Still Alice“, ha definito Julianne. Nel corso della sua carriera l’attrice è stata nominata 5 volte agli Oscar (le altre le aveva avute, come non protagonista, nel 1998 per Boogie Nights e nel 2003 per The hours, e come protagonista, nel 2000 per Fine di una storia e sempre nel 2003 per Lontano dal paradiso), 9 ai Golden Globe, 3 ai BAFTA, 8 ai Satellite Award, 10 agli Screen Actors Guild Awards e 2 agli Emmy Awards.

Julianne è nata col nome di Julie Anne Smith il 3 dicembre del 1960 a Fort Bragg, in North Carolina, dove suo padre era colonnello dell’esercito e giudice militare e la madre un’assistente sociale. “Tra i 5 e i 18 anni, ho frequentato 9 scuole diverse”, ha detto la Moore. Per via del lavoro del padre infatti, ha trascorso la sua giovinezza tra l’Europa e gli Stati Uniti, in una dozzina di località diverse.  Quest’ultimo ha anche combattuto in Vietnam e lei ricorda così il periodo in cui l’uomo era al fronte: “Percepivi la paura attraverso gli adulti, una sensazione tremenda”. Dopo un matrimonio con l’attore e regista John Gould Rubin, Julianne si è sposata con il regista Bart Freundlich, 45 anni, con il quale è convolata a nozze nel 2003. Hanno due figli, Cal, 17 anni e Liv, 12.

FILMOGRAFIA

  • I delitti del gatto nero (Tales from the Darkside: The Movie), regia di John Harrison (1990)
  • La pistola nella borsetta (The Gun in Betty Lou’s Handbag), regia di Allan Moyle (1992)
  • La mano sulla culla (The Hand That Rocks the Cradle), regia di Curtis Hanson (1992)
  • Body of Evidence – Il corpo del reato (Body of Evidence), regia di Uli Edel (1993)
  • Benny & Joon (Benny & Joon), regia di Jeremiah Chechick (1993)
  • Il fuggitivo (The Fugitive), regia di Andrew Davis (1993)
  • America oggi (Short Cuts), regia di Robert Altman (1993)
  • Vanya sulla 42esima strada (Vanya on 42nd Street), regia di Louis Malle (1994)
  • Un adorabile testardo (Roommates), regia di Peter Yates (1995)
  • Safe, regia di Todd Haynes (1995)
  • Nine Months – Imprevisti d’amore (Nine Months), regia di Chris Columbus (1995)
  • Assassins, regia di Richard Donner (1995)
  • Surviving Picasso, regia di James Ivory (1996)
  • Il mondo perduto – Jurassic Park (The Lost World ), regia di Steven Spielberg (1997)
  • I segreti del cuore (The Myth of Fingerprints), regia di Bart Freundlich (1997)
  • Boogie Nights – L’altra Hollywood (Boogie Nights), regia di Paul Thomas Anderson (1997)
  • Il grande Lebowski (The Big Lebowski), regia di Ethan Coen e Joel Coen (1998)
  • Hellcab – Un inferno di taxi (Chicago Cab), regia di Mary Cybulski e John Tintori (1998)
  • Psycho, regia di Gus Van Sant (1998)
  • La fortuna di Cookie (Cookie’s Fortune), regia di Robert Altman (1999)
  • Un marito ideale (An Ideal Husband), regia di Oliver Parker (1999)
  • La mappa del mondo (A Map of the World), regia di Scott Elliott (1999)
  • Fine di una storia (The End of the Affair), regia di Neil Jordan (1999)
  • Magnolia, regia di Paul Thomas Anderson (1999)
  • The Ladies Man, regia di Reginald Hudlin (2000)
  • Hannibal, regia di Ridley Scott (2001)
  • Evolution, regia di Ivan Reitman (2001)
  • World Traveler, regia di Bart Freundlich (2001)
  • The Shipping News – Ombre dal profondo (The Shipping News) regia di Lasse Hallstrom (2001)
  • Lontano dal Paradiso (Far from Heaven), regia di Todd Haynes (2002)
  • The Hours, regia di Stephen Daldry (2002)
  • Marie e Bruce – Finché divorzio non vi separi (Marie and Bruce), regia di Tom Cairns (2004)
  • Laws of Attraction – Matrimonio in appello (Laws of Attraction), regia di Peter Howitt (2004)
  • The Forgotten (The Forgotten), regia di Joseph Ruben (2004)
  • Uomini & donne – Tutti dovrebbero venire… almeno una volta! (Trust the Man), regia di Bart Freundlich (2005)
  • The Prize Winner of Defiance, Ohio, regia di Jane Anderson (2005)
  • Il colore del crimine (Freedomland), regia di Joe Roth (2006)
  • I figli degli uomini (Children of Men), regia di Alfonso Cuarón (2006)
  • Next, regia di Lee Tamahori (2007)
  • Io non sono qui (I’m Not There), regia di Todd Haynes (2007)
  • Savage Grace, regia di Tom Kalin (2007)
  • Blindness – Cecità (Blindness), regia di Fernando Meirelles (2008)
  • Eagle Eye, regia di D. J. Caruso (2008) – voce; non accreditata
  • La vita segreta della signora Lee (The Private Lives of Pippa Lee), regia di Rebecca Miller (2009)
  • Chloe – Tra seduzione e inganno (Chloe), regia di Atom Egoyan (2009)
  • A Single Man, regia di Tom Ford (2009)
  • Shelter – Identità paranormali (Shelter), regia di Måns Mårlind e Björn Stein (2010)
  • I ragazzi stanno bene (The Kids Are All Right), regia di Lisa Cholodenko (2010)
  • Elektra Luxx – Lezioni di sesso, regia di Sebastian Gutierrez (2010) – cameo
  • Crazy, Stupid, Love, regia di Glenn Ficarra e John Requa (2011)
  • Being Flynn, regia di Paul Weitz (2012)
  • Quel che sapeva Maisie (What Maisie Knew), regia di Scott McGehee e David Siegel (2012)
  • The English Teacher, regia di Craig Zisk (2013)
  • Don Jon, regia di Joseph Gordon-Levitt (2013)
  • Lo sguardo di Satana – Carrie (Carrie), regia di Kimberly Peirce (2013)

Non-Stop, regia di Jaume Collet-Serra (2014)
Maps to the Stars, regia di David Cronenberg (2014)
Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte I (The Hunger Games: Mockingjay – Part 1), regia di Francis Lawrence (2014)
Il settimo figlio (Seventh Son), regia di Sergei Bodrov (2014)
Still Alice, regia di Richard Glatzer e Wash Westmoreland (2014)

Potrebbero interessarti anche...