Melania Trump “sfida” la Cina e veste Dolce e Gabbana

melania-trump-non-voleva-diventare-first-lady

MAR-A-LAGO – Melania Trump “sfida” la Cina e veste Dolce e Gabbana. Lo scorso giovedì, durante una cena per il Thanksgiving Day a Mar-a-Lago, Palm Beach, Florida, la first lady americana ha indossato un abito nero firmato dal duo di stilisti. (GUARDA LE FOTO).

Un elegante capo già indossato dalla signora Trump a Gerusalemme nel 2017, che non è passato inosservato, perché potrebbe rappresentare un gesto di supporto alla casa di moda, travolta dalle polemiche per via di uno spot pubblicitario ritenuto poco rispettoso nei confronti della cultura cinese. O meglio, questo è quello che hanno pensato molti cinesi guardandolo.

Nelle stesse ore in cui Dolce e Gabbana correvano ai ripari, preparando il loro video di scuse alla Cina, la moglie di Donald Trump si mostrava in tutta la sua bellezza con un elegante abito firmato D&G. Non c’è alcuna prova certa che l’ex modella lo abbia fatto per supportare Stefano Gabbana e Domenico Dolce, ma non è così assurdo ipotizzare che sia così. Della serie…Non si abbandonano gli amici nel momento del bisogno. Un messaggio che non può non essere arrivato ai diretti interessati, i quali hanno già vestito la first lady in più occasioni (chi non dimentica il cappotto a fiori da 50mila dollari?).

Allo stesso tempo, va sottolineato che gli stessi stilisti hanno riconosciuto la loro parte di colpa nella vicenda: “Vogliamo chiedere scusa a tutti i cinesi nel mondo perché ce ne sono molti e prendiamo molto seriamente questa scusa e questo messaggio” ha detto Gabbana nel video diffuso in rete lo scorso venerdì. “Siamo sempre stati molto innamorati della Cina, l’abbiamo visitata, amiamo la vostra cultura e certamente – sottolinea Dolce – abbiamo ancora molto da imparare per questo ci scusiamo se abbiamo sbagliato nel nostro modo di esprimerci”. Silvia Di Pasquale.

Potrebbero interessarti anche...