Categorie
celebrity

Meghan Markle ha fornito informazioni per la sua biografia reale

Meghan Markle ha fornito informazioni per la sua biografia reale tramite una “terza parte”, che era a conoscenza del fatto di poter essere contattata dagli autori di “Finding Freedom“.

Nell’ultimo giro di documenti depositati presso l’Alta Corte, gli avvocati della duchessa del Sussex rivelano che lei era preoccupata per la narrativa su suo padre da parte dei media.

Come si legge sul Daily Mail, non accettava che si parlasse spesso di un uomo “abbandonato” e che Meghan “non aveva nemmeno provato a contattarlo”.

I suoi avvocati aggiungono:

“(Meghan) Non sa in che misura o in quali termini questa informazione riguardante le sue comunicazioni con suo padre sia stata condivisa con gli autori”.

Il team legale di Meghan afferma anche che la duchessa non sa se il team di Kensington Palace Communications abbia collaborato o meno con gli autori di Finding Freedom.

L’azione legale promossa da Meghan Markle contro alcuni media britannici.

Meghan ha citato in giudizio Associated Newspapers, editori di Mail On Sunday e MailOnline.

Lo ha fatto per violazione della privacy, dopo che questi hanno pubblicato estratti di una lettera che lei ha inviato a suo padre Thomas Markle nel 2018.

Sembra che Meghan abbia deciso di scrivere la lettera al padre, seguendo i consigli di due membri anziani della famiglia reale.

Questa comunicazione privata è stata messa in atto nel tentativo di convincerlo a smettere di parlare con la stampa.

La lettera scritta da Meghan.

La duchessa non avrebbe scritto da sola la lettera che ha inviato a suo padre Thomas.

Sarebbe stata aiutata dai suoi assistenti di palazzo.

E’ quanto emerso nei giorni scorsi dai documenti del tribunale relativi alla causa in corso contro il Mail On Sunday.

Padre e figlia si troveranno di fronte all’Alta Corte tra un anno se il processo andrà avanti.

Il processo sarebbe dovuto iniziare l’11 gennaio, ma il mese scorso Meghan ha chiesto e ottenuto un rinvio di nove mesi.