Categorie
celebrity

Lorella Cuccarini: “Ho ancora voglia di mettermi in gioco”

ROMA – Dopo la strega Goethel di Rapunzel e il successo in tv di Nemica Amatissima, Lorella Cuccarini è pronta per il ritorno a teatro. Dal 2/3 sarà al Brancaccio di Roma con ”La regina di ghiaccio”, nuovo musical di Maurizio Colombi ispirato alla Turandot di Puccini e alle fiabe orientali delle Mille e un giorno.

“Ho ancora tantissima voglia di mettermi in gioco, di provare, cambiare. La parte più bella del nostro mestiere è proprio alzare sempre di più l’asticella e forse questo è il personaggio più difficile che ho interpretato”.

Ma il 3/3 uscirà anche un Cd raccolta di tutte le sigle cantate dalla Cuccarini, ”con anche due inediti e un live. E stiamo lavorando – aggiunge – anche a un debutto nella prosa, con una commedia contemporanea”. Un nuovo show in tv? ”Mi piacerebbe lavorare con Fiorello – risponde la conduttrice – ma anche un varietà corale tutto al femminile. Heather Parisi? No, con lei non credo ci siano proprio i presupposti”.

Lorella Cuccarini è sposata dal 1991 con Silvio Testi. Quest’ultimo nato a Viterbo nel 1954 ed è produttore musicale e televisivo, proprietario della Triangle Production. I due si sono sposati nel 1991. Lorella e Silvio hanno 4 figli: Sara (nata il 4 agosto 1994), Giovanni (nato il 19 settembre 1996) ed i gemelli Chiara e Giorgio (nati il 1º maggio 2000). L’amore tra Lorella e Silvio dura ormai da 25 anni e nonostante siano ancora felicissimi insieme, più volte la showgirl ha confessato che il suo rapporto con il marito non è stato sempre rose e fiori ma è frutto di impegni e sacrifici:

“La mia famiglia è tutt’altro che perfetta. E non è perfetto neppure il mio matrimonio. Come tutte le coppie, anche io e Silvio abbiamo avuto i nostri momenti difficili, le nostre crisi. Ma li abbiamo superati e siamo andati avanti, perché ci amiamo moltissimo (…)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.