Categorie
celebrity

Lady Diana “uccisa dai servizi segreti britannici”: l’ultima ipotesi

ONDRA – Lady Diana “fu uccisa dai servizi segreti britannici”: a sedici anni dall’incidente sotto il Pont de l’Alma di Parigi, costato la vita alla principessa britannica, al compagno Dodi al Fayed e all’autista Henri Paul è questa l’ultima ipotesi, sostenuta dalla giornalista del Daily Mail Sue Reid.

La cronista ha ascoltato i parenti dell’autista, di Diana e di Dodi al Fayed, e ha consultato i servizi segreti francesi, britannici e russi, che nell’agosto del 1997 stavano seguendo i movimenti dell’intelligence del Regno Unito.

Secondo Sue Reid, la Mercedes su cui viaggiavano Diana, Dodi al Fayed, la sua guardia del corpo Trevor Rees Jones e l’autista sarebbe stata seguita sotto il Pont de l’Alma da una Fiat Uno bianca e da una moto nera con due persone a bordo, con casco integrale.

Proprio dalla moto sarebbe partito il flash che ha fatto sbandare l’auto fino all’impatto mortale. A quel punto, secondo alcuni testimoni oculari sentiti dalla cronista del Mail, il passeggero a bordo della moto sarebbe sceso per controllare che cosa era successo ai passeggeri della Mercedes, e poi avrebbe fatto un gesto con le mani, rivolto al guidatore della moto, che viene usato dagli agenti segreti per indicare “missione compiuta”. 

A far insospettire la giornalista è stata anche una lettera anonima da lei ricevuta in cui era scritto: “Se sei abbastanza coraggiosa scava più a fondo per sapere di X e Y. Entrambi dell’M16 (i servizi segreti britannici, ndr). Entrambi coinvolti ai più alti livelli nell’omicidio della Principessa. Buona fortuna”.

A far propendere per la tesi di un incidente provocato, e non casuale, ci sono poi diversi elementi: le voci di una probabile gravidanza di Lady Diana, confermate da diversi suoi amici, l’anello di fidanzamento che Dodi al Fayed era andato a comprare in una gioielleria parigina e la decisione di Lady Diana di portare con sé i figli William e Harry nella sua vita con l’imprenditore musulmano, probabilmente nella sua villa di Malibu, in California. Il giallo resta aperto.

(Foto Lapresse)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.