Kylie Jenner, il bodyguard Tim Chung: “Non sono il vero padre di Stormi. Chiedo rispetto”

La foto di Stormi e la somiglianza col bodyguard

ROMA – Nei giorni scorsi hanno iniziato a girare sul web  delle foto di Tim Chung, l’affascinante guardia del corpo di Kylie Jenner. Le voci che accompagnavano le foto erano molto eloquenti: Stormi, la figlia che la star 20enne ha avuto da Travis Scott, in realtà sarebbe figlia di Chung. Voci assurde [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,Ladyblitz – Apps on Google Play] e infondate diffuse per una presunta somiglianza tra la guardia del corpo e la piccola, già smentite dal certificato di nascita della piccola che hanno però avuto solo un vantaggio: quello di far conoscere al mondo Tim Chung (che, in realtà, ha già molti amici dato che su Instagram ha 430mila follower ndr).

Adesso, dopo il polverone più o meno ironico che si è alazato, a voler mettere i puntini sulle i è lo stesso Tim, che ha voluto spiegare personalmente com’è il suo rapporto con Kylie Jenner sia di profondo rispetto. Ecco cosa ha scritto su Instagram: “Sono una persona riservata e normalmente non avrei mai risposto a delle storie così ridicole. Ho un profondo rispetto per Kylie, Travis, la loro figlia e le loro famiglie. Ma i miei rapporti con loro sono strettamente professionali”.

“Chiedo ai media di non includermi più in storie irrispettose per la loro famiglia” ha concluso Chung.

Potrebbero interessarti anche...