Categorie
celebrity

Francesca Pascale: “Berlusconi? Lo desideravo già da minorenne”

ROMA – “Ero minorenne quando mi sono messa in testa di arrivare a lui”. Così Francesca Pascale, compagna ufficiale di Silvio Berlusconi, che a Vanity Fair racconta la storia inedita del fidanzamento con il leader del centrodestra, 77 anni il 29 settembre. L’intervista, che uscirà nel numero di mercoledì del settimanale, è accompagnata dalle sue prime immagini posate con Berlusconi, una delle rarissime occasioni in cui l’ex premier si è prestato a un servizio fotografico, per di più nell’ormai inviolabile fortino di Arcore.

Il racconto della Pascale parte da quando lei iniziò a militare in Forza Italia e riuscì a incontrare per la prima volta Berlusconi. “Gli ho subito domandato se potevo lasciargli il numero di telefono. Gli ho anche chiesto il suo. Lui mi ha detto: Ma sei spietata. Era il 5 ottobre 2006”.

La storia prosegue con l’innamoramento, la scelta di non dichiararsi “perché lui era un uomo sposato”, la reazione dei genitori: “Mia madre mi fa: Lo ammiriamo anche noi, ma potrebbe essere tuo padre”. Infine la decisione di farsi avanti, dopo la separazione da Veronica Lario e all’indomani dell’aggressione in Piazza Duomo (“Lui mi dice: non se ne parla neppure, sei troppo giovane, non posso darti il futuro che meriti” e la scelta di stargli comunque accanto, negli anni delle discusse frequentazioni femminili: “Le donne gli si gettavano addosso… È il periodo della disillusione, dell’incapacità di provare amore vero per una donna… Ai suoi occhi ero un’illusa, una sognatrice. Non è stato facile per me. E a quelle cene non ci andavo, perché non mi sarei tenuta”. (Foto Lapresse).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.