Categorie
celebrity

Elisabetta Canalis contro le pellicce: appello al direttore di Vogue Italia

LOS ANGELES – Elisabetta Canalis contro le pellicce, sostiene ancora la Peta. L’ex velina, fervente animalista da anni, rivolge un appello al neo direttore di Vogue Italia, chiedendo a Emanuele Farneti che una delle sue prime decisioni sia quella di mettere al bando le pellicce dal magazine che dirige al posto di Franca Sozzani, scomparsa nel dicembre 2016. Lo annuncia una nota di Peta in cui si apprende che Elisabetta Canalis ha scritto a Farneti per suggerire che questo è il momento perfetto per iniziare un nuovo capitolo dell’iconica bibbia della moda. Questo l’appello della modella:

“Ogni giacca in pelliccia o taglio di pelliccia sono stati presi da un essere vivente terrorizzato che è stato catturato in natura o che ha vissuto una vita di miserie rinchiuso in una spoglia gabbia di metallo prima di essere affogato, folgorato, avvelenato o spellato vivo. Io, così come tanti dei vostri lettori, desidero vedere Vogue muovere un passo verso un futuro compassionevole per la moda, impegnandosi a non promuovere la pelliccia sulle sue pagine”.

Elisabetta Canalis è da poco rimasta orfana di padre, Casare Canalis. I due erano legatissimi. Per quel che riguarda la sua vita privata, l’ex velina è sentimentalmente legata al chirurgo americano Brian Perri, che ha sposato nel settembre del 2014 ad Alghero, in Sardegna, dove lei è nata. Una cerimonia, neanche a dirlo, con tanti vip. Insieme hanno una figlia, Skyler Eva, nata il 29 settembre 2015. E’ molto amica della sua ex collega di Striscia la Notizia Maddalena Corvaglia, reduce dalla separazione con il marito Stef Burns, chitarrista di Vasco Rossi. E’ stata Corvaglia stessa ad annunciarlo tramite un lungo messaggio pubblicato sulla sua pagina Instagram. I due si erano sposati nel 2011 e insieme hanno una figlia, Jaime Carlyn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.