Categorie
attualità

Lea Garofalo uccisa 4 anni fa ma sue parole hanno portato a 17 arresti

CROTONE – Le rivelazioni di Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia uccisa dal marito quattro anni fa a Milano, continuano a essere fondamentali per le forze dell’ordine. I carabinieri di Crotone hanno eseguito 17 arresti contro ndranghetisti.

Secondo quanto riporta il sito di Repubblica, le persone fermate sono colpevoli di 7 omicidi commessi tra il 1989 e il 2007 e legati a una guerra tra cosche. Gli arresti fanno parte di una più larga operazione condotta anche nel nord Italia. Arresti e perquisizioni sono stati fatti in Emilia Romagna, Lombardia, Veneto, oltre che in Campania e Abruzzo.

Lea Garofalo venne uccisa e bruciata dopo che decise di denunciare le attività losche dei suoi famigliari e di suo marito, il boss Carlo Cosco.Venne uccisa e bruciata dal marito e i suoi oltre duemila frammenti ossei ritrovati in un tombino di Milano.

Quelle rivelazioni sono costate caro a Lea, ma il suo contributo, dicono gli inquirenti, si è rivelato più che prezioso. A quattro anni dalla sua fine atroce, le informazioni vengono ancora usate per fare arresti in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.