Categorie
attualità

Joumana Haddad, poetessa libanese: “Io, araba e atea, minacciata dai salafiti”

BEIRUT – Joumana Haddad, poetessa libanese: “Io, araba e atea, minacciata dai salafiti”. Joumana, 44 anni, era stata invitata dalla ministra della Cultura del Bahrein a dare una lettura di poesia il 6 aprile. Ma qualcuno non ha gradito la notizia della sua visita: i gruppi islamisti che hanno lanciato una campagna denigratoria contro di lei. Il motivo? “Nel Bahrain non sono benvenuti gli atei”. “Uno Sceicco (Jalal al-Sharki) mi ha persino minacciata di morte”, spiega la giornalista in un articolo a sua firma pubblicato sul Corriere della Sera. Oltre ad essere accusata di ateismo, Joumana è presa di mira dagli estremisti anche per altri motivi, come lei stessa spiega:

“(…) Oltre ad essere pubblicamente atea e laica, sono anche «accusata» di tante altre cose: sono donna («Come osa, quella femminuccia, contraddirci?»); lotto per l’uguaglianza tra uomini e donne («Allerta al diavolo!»); difendo la libertà sessuale nel mondo arabo («Scandalo! Noi le nostre donne le vogliamo vergini e “pure”. Il sesso è solo per il nostro piacere, e i loro corpi ci appartengono»)”.

Un personaggio fuori dagli schemi la Haddad, che ci ricorda il fatto che l’essere arabe non significa necessariamente professare l’Islam. Non a caso, la scrittrice è figlia di una famiglia cattolica tradizionalista. Nel 2014, la rivista “CEO Middle East” l’ha selezionata fra le 100 donne arabe più influenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.