Categorie
ambiente

Matt Damon con il suo film denuncia il fracking: lobby del petrolio furiose

ROMA – Matt Damon entra nel mirino delle lobby del petrolio. Il “genio ribelle” di Gus Van Sant ora diventa protagonista e sceneggiatore di “Promised Land”. Il bel Matt lascia i panni dell’ex agente segreto Jason Bourne e veste quello di ambientalista convinto, pronto a salvare il pianeta. Il film denuncia il “fracking”, una tecnologia per estrarre petrolio e gas naturale dal sottosuolo. La tecnologia a base di acqua e agenti chimici facilita le estrazioni, non priva di effetti collaterali. Le falde acquifere infatti sono a rischio contaminazione e con esse la salute della popolazione.

Ma cos’è il fracking che ha fatto breccia nel cuore e nelle preoccupazioni del bel Matt? La prima fase è la trivellazione del pozzo,che viene eseguita tra i 1500 ed i 6mila metri di profondità. Poi il pozzo viene perforato orizzontalmente tra i 900 ed i 1500 metri a profondità di circa 3mila metri. All’interno della perforazione viene inserito un tubo rivestito di cemento e poi delle piccole cariche vengono fatte esplodere all’interno del perforatore. In questo modo si creano dei piccoli fori nel tubo che lasciano il passaggio di acqua e sostanze chimiche nel sottosuolo.

Una volta che la struttura è completata nel pozzo vengono immessi fino a 15.900 litri al minuto di acqua mista a agenti chimici e sabbia. Il fluido pompato a pressione entra nel sottosuolo e crea delle fratture, liberando così il gas naturale e il petrolio contenti nel pozzo. La sabbia tiene le fessure aperte e gli idrocarburi liberati risalgono le fessure ed i tubi fino a sgorgare in superficie ed essere immagazzinati dal gasdotto.

Gli Stati Uniti furono i primi ad utilizzare la tecnica del fracking nel 1947, mentre la Hallburton nel 1949 fu la prima compagnia petrolifera ad usarla commercialmente. La tecnica stimola e facilita l’estrazione dai giacimenti petroliferi, ma può essere utilizzata anche per altri scopi come la costruzione di pozzi idrici, per misurare le tensioni nella crosta terrestre o per preparare le rocce in caso di trivellazioni per miniere.

Quali rischi per l’ambiente? Il fracking è sicuramente uno strumento utile nelle mani delle aziende per estrarre il petrolio, ma non privo di rischi. La preoccupazione principale riguarda l’inquinamento: le sostanze chimiche, e nocive per l’uomo, potrebbero contaminare le falde acquifere, con conseguenti danni per la salute della popolazione che vive nella zona sottoposta a fratturazione idraulica. Altra conseguenza di questa tecnologia riguarda la generazione di micro-terremoti, che sono comunque di intensità limitata e colpiscono sono le zone in cui la fratturazione del sottosuolo ha causato un’instabilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.