ambiente

In Cornovaglia sono nati due esemplari dei gatti più piccoli del mondo, a rischio estinzione

Gatti e cani, riabituarli al post quarantena

Una bella notizia arriva dal Regno Unito: sono nati due cuccioli di gatti della specie più piccola del mondo, il gatto rugginoso.

Il lieto evento è avvenuto al Porfell Wildlife Park and Sanctuary, in Cornovaglia.

Questa notizia è molto importante perché il gatto rugginoso è considerato un animale a rischio estinzione. Nel 2016 è stato anche inserito fra le specie prossime alla minaccia della Rel list della Iucn.

Questo, a causa della frammentazione della sua già esigua popolazione e della perdita costante di habitat, a causa della distruzione selvaggia delle foreste.

Questo gatto è davvero speciale. E’ considerato la specie di gatto più piccola del mondo.

I gatti, nati due mesi fa, hanno iniziato ad esplorare la loro casetta insieme alla mamma.

Secondo quanto spiegano i responsabili del parco, non si è ancora sicuri se si tratti di maschi o femmine. Questo perché la mamma li ha tenuti così vicini che non sono stati in grado ancora di avvicinarsi abbastanza per controllare.

Alla nascita, si stima che i gattini pesino solo da 60 a 77 grammi. Una grandezza comparabile a quella dei topi.

Gatto, dalle fusa alle malattie 7 miti da sfatare

Quando diventeranno adulti, arriveranno a misurare fra i 35 e i 48 cm di lunghezza, la metà di un gatto domestico. Per un peso che si attesta attorno a un chilo per le femmine e un chilo e mezzo per i maschi.

Il gatto rugginoso è endemico delle foreste dell’India e dello Sri Lanka ma le loro popolazioni selvagge sono attualmente minacciate a causa della perdita di habitat.

Questi gati sono minacciati dalla caccia. Vengono presi di mira sia come cibo, sia per il bellissimo pelo.

Con gli occhi sei volte più potenti di quelli di un essere umano, in natura questi piccoli animali sono cacciatori efficienti. Non bisogna infatti farsi ingannare dalla piccola stazza.

Questi gatti sono in grado di cacciare esemplari decisamente più grandi di loro. Ad esempio un gatto rugginoso di otto mesi è in grado di uccidere una giovane gazzella domestica con un morso alla gola.

Il gatto rugginoso si nutre principalmente di roditori, uccelli, lucertole, rane e insetti. Sono abili scalatori e scappano spesso sugli alberi alla vista di qualche predatore più grande.

Gli allevatori hanno dichiarato:

«La scorsa estate abbiamo avuto la possibilità di ospitare una coppia di gatti macchiati di ruggine. Da quanto ne sappiamo, sono solo 2 dei 40 esemplari in cattività in tutto il mondo, quindi eravamo entusiasti dell’opportunità. Oggi la nostra gioia è immensa, grazie alla nascita di due loro cuccioli».

https://www.instagram.com/p/B-UOeTGFd2s/