Temptation Island, Filippo Bisciglia: Vorrei Tale e Quale show

Pubblicato il 30 giugno 2016 12.11 | Ultimo aggiornamento: 30 giugno 2016 12.11

Tags:

 
filippo_bisciglia33

R OMA – Filippo Bisciglia: “Dopo Temptation Island 3 vorrei partecipare a Tale e quale show”. Filippo Bisciglia ha rivolto infatti un appello a Carlo Conti: “So cantare, ballare e imitare, vorrei partecipare a Tale e Quale Show”. Ha preso il via il 28 giugno, Temptation Island 3. Anche quest’anno sei coppie metteranno alla prova la loro storia d’amore e c’è chi, sin dalla prima puntata, sta mostrando segni di cedimento. Alla guida del docu-reality c’è Filippo Bisciglia. L’ex gieffino si è raccontato in una lunga intervista rilasciata a Il tempo.

Filippo Bisciglia spera di costruire un suo percorso televisivo, che vada anche al di là del programma di Canale 5. Così, ha fatto un appello a Carlo Conti:

“So cantare, ballare e imitare, vorrei partecipare a Tale e Quale Show e mostrare al pubblico l’altra parte di me ancora sconosciuta. Lo ha già fatto Pamela. Adesso vorrei mettermi io alla prova. E ne approfitto per lanciare un appello a Carlo Conti”.

Come scrive Fanpage, tra le sei coppie che partecipano a Temptation Island 3 c’è già chi sembra mettere in discussione il rapporto con il suo fidanzato. Filippo Bisciglia, però, ha spiegato di avere grande rispetto per le reazioni dei ragazzi, che “mettono in discussione il proprio rapporto con sincerità”: “Come al solito accompagno i partecipanti nel villaggio dove sono stati ospiti, lontani dal mondo esterno e mostro loro, ogni sera, nel momento del falò, i momenti salienti della giornata dei loro partner. Avevo visto la prima volta lo show, basato su un format statunitense, prima che arrivasse in Italia grazie a Maria De Filippi. L’ho fatto mio e, anno dopo anno, è sempre più migliorato il mio modo di avvicinarmi ai ragazzi e ai loro sentimenti dei quali ho sempre avuto il più grande rispetto perché mettono in discussione il proprio rapporto con sincerità, spesso dimenticandosi delle dodici telecamere che li riprendono”.