A 8 anni si fa crescere capelli per aiutare coetanei che fanno chemioterapia FOTO

Pubblicato il 5 giugno 2015 14.38 | Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2015 14.38

Tags: , , , ,

di Redazione LadyBlitz
 
A 8 anni si fa crescere capelli per aiutare bambini malati di cancro FOTO, VIDEO06

M IAMI – Christian McPhilamy è un bambino della Florida di 8 anni che ha dato una lezione a tutti noi grandi. Il piccolo ha infatti deciso di farsi crescere i capelli per aiutare gli altri. Poi, una volta che i capelli erano lunghi al punto giusto, ha deciso di tagliarli per donare la sua lunga chioma bionda ai produttori delle parrucche destinate ai bambini sottoposti a chemioterapia.

Tutto comincia quando a sei anni Christian rimane colpito da un spot televisivo del St Jude Children’s Research Hospital di Memphis nel Tennessee. Da quel momento sono passati due anni e la sua chioma bionda diventerà lunga al punto giusto per aiutare i suoi coetanei più sfortunati di lui. Le sue ciocche di capelli vengono quindi tagliate e destinate a Children With Hair Loss, un’associazione americana che vuole aiutare i piccoli pazienti malati di tumore, leucemia e cancro.

La sua missione però non è stata affatto semplice, dato che molti lo sfottevano dicendogli che sembrava una femminuccia. In quei due anni Christian è stato oggetto di insulti sia da parte dei suoi coetanei, sia dei genitori dei suoi compagni di classe. Lui però non si è scoraggiato ed ha superato questi veri e propri atti di bullismo con la convinzione di stare a fare del bene. E così, con i suoi 30 cm di capelli divisi in 4 ciuffi ha potuto regalare una parrucca ad uno dei 335 pazienti seguiti dall’associazione.

Immagine 1 di 7
  • A 8 anni si fa crescere capelli per aiutare bambini malati di cancro FOTO, VIDEO04

Immagine 1 di 7

Lo spot che ha ispirato il piccolo Christian.

 

 

 

“Ha deciso di fare ricerca a modo suo e di dare un aiuto, e ha raggiunto il suo scopo”, ha raccontato a Florida Today, la madre Deeanna Thomas. “I suoi amici lo insultavano e lo trattavano come una femminuccia, e i genitori arrivavano ad offrirmi soldi per tagliargli i capelli. Ma lui non ci ha mai ripensato, deciso com’era a portare avanti il suo obbiettivo, e non si è mai tirato indietro nel far capire agli altri, il perché della sua scelta.