Mineo, c’era davvero bisogno di scrivere “subalterno a una donna”?