San Valentino, cibi afrodisiaci per accendere la passione

Pubblicato il 12 febbraio 2016 10.48 | Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2016 10.48

Tags:

 

R OMA – San Valentino, cibi afrodisiaci per accendere la passione. Cioccolato, zafferano ma anche tè al ginseng. Con ostriche e champagne, sono questi gli ingredienti della perfetta cena romantica. Da millenni si parla di potenziale erotico del cibo, ma per la ricerca è in buona parte frutto della nostra immaginazione. Perfino la Food and Drug Administration ha preso una posizione ufficiale sull’argomento.

Ostriche, champagne, cioccolato, spezie, fragole, addirittura basilico, partendo da studi pubblicati, possono offrite comunque un elevato potenziale afrodisiaco.

Ostriche. La consistenza, il modo sensuale di mangiarle, su questi elementi si fonda la reputazione afrodisiaca delle ostriche. L’elevato contenuto di zinco, che promuove la produzione di testosterone, sembra non basti ad accendere la libido.Tuttavia, secondo uno studio del 2005, la presenza nelle ostriche di rari amminoacidi che aumentano il livello di ormoni, stimolerebbe l’attività sessuale.

Cioccolato. Le basi del potere afrodisiaco risiedono nel contenuto di ammine biogene, cioè degli stimolanti potenti. Per avere benefici reali se ne dovrebbero mangiare grandi quantità ma alcuni studi li ritengono afrodisiaci efficaci. Nel libro “The Chemistry of Love”, lo scienziato Michael Liebowitz attribuisce al cioccolato “il potere che Casanova e Montezuma gli riconoscevano secoli fa”. Purtroppo la sostanza ha una vita brevissima nell’organismo, 5-10 minuti al massimo.

Zafferano. Parlando di incremento del desiderio e performance dei maschi, i risultati degli esperimenti sulle cavie sono molto promettenti. Non del tutto confermati da quelli condotti sull’uomo. Nei maschi hanno prodotto esiti contrastati, molto positivi in uno studio del 2009, trascurabili in un altro del 2010.

Ginseng. Anche in questo caso, come nello zafferano, il potere afrodisiaco sembra indirizzato quasi esclusivamente ai maschi, ma esistono esperimenti incoraggianti sulle donne in menopausa. Dei potabili afrodisiaci, il ginseng è probabilmente il più promettente per entrambi i sessi.