David Beckham, la ex guardia del corpo ridotta a vivere…

Pubblicato il 22 agosto 2016 17.24 | Ultimo aggiornamento: 22 agosto 2016 17.24

Tags:

 
David Beckham l'uomo più sexy del mondo per People10

L ONDRA – Vive in aeroporto la ex guardia del corpo di David Beckham, una persona che nella vita dovrebbe aver accumulato abbastanza quattrini da potersi permettere un affitto. E invece qualcosa è andato storto nella vita di Simon Jones, nome di fantasia, che ora è costretto a dormire e a mangiare in un terminal di Heathrow, Londra. La storia la racconta Barbara Massaro su Panorama:

Fa colazione tra un terminal e l’altro, si lava nei bagni dell’aeroporto e dorme insieme ai passeggeri che aspettano il proprio volo sfruttando persino il wi-fi gratuito dello scalo. E’ la storia di Simon Jones, 46 anni, l’ex guardia del corpo di David Beckham che, dopo aver perso tutto, si è trasferito a vivere presso l’aeroporto londinese di Heathrow. Proprio come nel film The Terminal, Jones (il nome lo ha scelto lui per celare la vera identità) ha eletto come domicilio l’aeroporto facendosi suggestionare dalla pellicola cinematografica. E dire che Simon di cose nella sua vita ne ha fatte parecchie: ha combattuto nel Reggimento Paracadutista dell’esercito britannico in Iraq, Afghanistan, Somalia, Angola e Nigeria, per poi diventare una guardia del corpo privata vantando clienti del calibro di Beckham. Poi qualcosa è andato male e la sua vita è crollata.

Mentre Tom Hanks/Viktor Navorsk protagonista di The Terminal si trovava bloccato al Jfk di New York a causa di un colpo di Stato avvenuto nell’immaginaria Krakozhia che aveva invalidato il suo documento, Simon Jones a Heathrow ci è entrato con le sue gambe. La cosa strana è che nessuno, a oggi, si è accorto dell’inquilino ormai in pianta stabile a Heathrow. Per questo Jones ha deciso di uscire allo scoperto e di raccontare la sua storia ai media. “Pensavo inizialmente di restare solo un paio di giorni in aeroporto – ha dichiarato – ma visto che nessuno si è accorto di me sono rimasto. Ora come è stato possibile per me entrare e vivere nello scalo, immagino che possa esserlo anche per potenziali terroristi”.