Alena Seredova, sempre più “Agnelli”