Categorie
Salute

Protesi Pip: al via il programma di assistenza sanitaria in Umbria

Perugia – Le donne umbre alle quali sono state impiantate protesi mammarie al silicone della ditta Poly Implant Prothèse (Pip), realizzate con materiali non conformi e potenzialmente pericolosi, seguiranno uno specifico programma di assistenza sanitaria che prevede visite specialistiche ed esami diagnostici e l'eventuale rimozione. Lo ha stabilito la Giunta regionale dell'Umbria che, su proposta dell'assessore alla Salute Franco Tomassoni, ha recepito l'accordo Stato-Regioni sulle linee guida per la gestione clinica dei casi di persone portatrici di protesi mammarie prodotte dalla Pip e ha dato mandato alle Aziende sanitarie della regione di definire e attivare un programma per la presa in carico di tutte le donne interessate. Il numero di donne umbre alle quali è stato impiantato questo tipo di protesi, secondo quanto fa sapere la Regione, è esiguo e a loro le asl indicheranno le strutture nelle quali rivolgersi per la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.