life style

All’asta la Birkin di Hermes appartenuta a Jane Birkin

Jane Birkin con la figlia Charlotte Gainsbourg

Jane Birkin, un nome un mito. La figlia Charlotte Gainsbourg racconta la madre, cantante, autrice, modella, attrice musa di Serge Gainsbourg nel documentario presentato al festival di Cannes ‘Jane by Charlotte’. Nonostante le sue origini inglesi, Jane Birkin è anche conosciuta come simbolo dello chic francese. Icona di moda e di stile, Jane Birkin è anche nota per aver ispirato, e aver dato il suo nome, a una delle borse più desiderabili in circolazione: la “Birkin” di Hermès.

La storia della borsa Birkin di Hermès

La storia è che nel 1984, per caso, il capo di Hermès, Jean-Louis Dumas, si trovò seduto accanto a Jane Birkin su un volo. Jane si è lamentata di come non fosse riuscita a trovare una borsa abbastanza grande per trasportare i biberon di sua figlia Lou. Dumas ha risposto disegnandole un borsone profondo ed elastico. Il resto è storia della moda.

All’asta la borsa iconica appartenuta a Jane Birkin

Ora una delle borse Birkin personali di Jane sarà venduta alla Bonhams Designer Handbags and Fashion sale il 20 luglio a Bonhams Knightsbridge a Londra. La borsa è stata originariamente acquistata dagli attuali proprietari in un’asta di beneficenza a favore di Anno’s Africa nel 2014. È accompagnata da una lettera di Jane Birkin ed è firmata da lei in Tipp-Ex all’interno. Ha una stima di 15.000-20.000 sterline.

Il capo del dipartimento Bonhams Designer Handbags & Fashion, Meg Randell, ha commentato: “Jane Birkin è sinonimo del massimo dello stile cool e chic francese, e la “Birkin” di Hermès è l’accessorio di lusso per eccellenza. Quindi essere in grado di offrire la Birkin di Jane è incredibilmente eccitante. Jane era nota per aver usato davvero le sue borse e per personalizzarle per rendere il suo accessorio omonimo. Questa borsa mostra meravigliosi segni d’uso da parte di Birkin, come il cordino rosso legato attorno a una delle maniglie e i segni di morsi del gatto di Birkin sulla maniglia”.

Famosa per aver personalizzato le sue borse Birkin, Jane Birkin ha spiegato a Vogue nel 2011: “Appendo sempre le cose sulle mie borse perché non mi piacciono che assomigliano a quelle di tutti gli altri. Non c’è divertimento in una borsa se non viene presa a calci, quindi sembra che il gatto ci si sia seduto sopra, e di solito è così. Il gatto potrebbe anche esserci dentro”.

Jane e le sue borse, una storia di beneficenza

Jane Birkin ha ricevuto cinque borse da Hermès, vendute negli anni per raccogliere fondi per beneficenza. Questa particolare borsa fu  inizialmente donata per raccogliere fondi per l’Africa di Anno come parte di un’asta di beneficenza nel 2014. Organizzazione di beneficenza con sede nel Regno Unito istituita in onore del nipote poeta di Birkin, Anno Birkin, morto poco prima del suo 21esimo compleanno in un incidente automobilistico.

L’organizzazione benefica, che porta il suo nome, offre un’educazione artistica alternativa agli orfani e ai bambini vulnerabili in alcune delle aree più svantaggiate dell’Africa. La borsa è stata successivamente esposta nella mostra Bagism 2016 al K11 Mall di Shanghai, posizionata accanto alla borsa Hermès “Kelly” di Grace Kelly. Altro mito della moda che dopo tutti questi anni non ha smesso il suo fascino.

Da Bonham’s la casa d’aste con sede a Londra il 20 luglio ci saranno anche un porta pranzo di Chanel, Pink Gingham Lunchbox Bag, della collezione Resort 2011. La banbola Coco Mademoiselle Doll, Karl Lagerfeld per Chanel, stimata tra le 3mila e le 5mila sterline. Un pezzo molto raro, una classica Louis Vuitton bag: Black Caviar Jumbo Double Flap Bag, Chanel.

Leggi anche: Camicia corta e shorts, il completo di lino più alla moda dell’estate 2021