Coppie gay, la Corte di Strasburgo: “Si può adottare il figlio del proprio partner”

19 Febbraio 2013 - di Mari

STRASBURGO – La Corte europea dei diritti dell’uomo ha deciso: il partner omosessuale di un uomo o una donna che ha già avuto un figlio può decidere di adottarlo. 



Con questa sentenza il Tribunale di Strasburgo ha stabilito che per le coppie omosessuali vale lo stesso principio in vigore per le coppie eterosessuali. Per cui se nel Paese in questione il partner di una coppia eterosessuale può adottare il figlio del compagno o della compagna sarà lo stesso anche per le coppie gay o lesbiche.

La sentenza è definitiva, e il principio varrò per tutti i 46 Stati membri del Consiglio d’Europa.

Il pronunciamento della Corte si basa sul ricorso presentato da due donne austriache e dal figlio di una di loro. Secondo il Tribunale di Strasburgo, l’Austria ha violato i diritti della coppia che aveva presentato il ricorso perché li ha discriminati sulla base dell’orientamento sessuale dei partner, visto che in Austria l’adozione dei figli dei compagni è possibile per le coppie eterosessuali non sposate.