cinema

“Il discorso del re” con Barbareschi e Dini al Teatro Carignano Torino

Luca Barbareschi sta male: niente teatro per 2 mesi

Torino – Al Teatro Carignano di Torino (piazza Carignano 6) andrà in scena ‘Il discorso del re’ di David Seidler, con la regia e la traduzione di Luca Barbareschi. La prima è martedì 5 marzo 2013, alle ore 19.30. Lo spettacolo è interpretato da Luca Barbareschi (nel ruolo di Lionel Logue, logoterapista australiano) e Filippo Dini (in quello di Bertie, Duca di York). Accanto a loro in scena Ruggero Cara, Chiara Claudi, Roberto Mantovani, Astrid Meloni, Giancarlo Previati, Mauro Santopietro. Le scene sono di Massimiliano Nocente, i costumi di Andrea Viotti, le luci di Iuraj Saleri e le musiche di Marco Zurzolo. ‘Il discorso del Re’ – prodotto da Casanova Multimedia – sarà replicato al Carignano per la Stagione in Abbonamento del Teatro Stabile di Torino fino a domenica 10 marzo.

Ambientata in una Londra surreale, a cavallo tra gli anni Venti e Trenta, Il discorso del Re si concentra sulle vicende di Albert, secondogenito balbuziente del Re Giorgio V. Il Duca di York succede a Edoardo VIII, che ha abdicato per sposare la miliardaria americana Wallis Simpson. Albert Frederick Arthur George Windsor, affettuosamente chiamato Bertie, e riluttante all’idea, ma nel ’37 diventa sovrano. Fu un re molto amato dal popolo, legato da un sincero amore per la moglie Elisabetta Bowes-Lyon, ma che portava con sè gli strascichi dell’anaffettività dei genitori.

Un’insicurezza espressa anche dalla balbuzie impossibile da gestire nei discorsi pubblici, soprattutto alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Così il sovrano viene visitato da diversi dottori, fino ad arrivare al logopedista australiano Lionel Logue, uomo dai metodi anticonformisti, ma efficaci, capace di sondare le anime e di medicarle. Logue nel tempo insegnerà al Duca di York come superare l’incubo di parlare in pubblico e le proprie paure.

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.