Tom Cruise denuncia Vanity Fair: “Nessuna moglie scelta da Scientology”

LOS ANGELES – Tom Cruise e il suo legale Bert Fields, che lo segue ormai da tempo, hanno fatto un esposto contro un articolo di Vanity Fair in cui si è scritto che prima che l’attore si sposasse con Katie Holmes, la chiesa di Scientology aveva scelto per Tom Cruise l’attrice iraniana Nazanin Boniadi come potenziale moglie della star. La notizia apparsa sulla rivista è stata definita dall’avvocato di Cruise come “completamente falsa e infondata”.

La smentita è arrivata poche ore dopo la pubblicazione da una dichiarazione ufficiale di Scientology e dai commenti rilasciati dall’avvocato Fields riportati dall’Hollywood reporter: “La storia di Vanity Fair è essenzialmente un rimaneggiamento di vecchie bugie dei tipici tabloid da supermercato che citano le stesse false fonti”. Nell’articolo si legge che la Boniadi, che al tempo faceva parte di Scientology, era stata selezionata come potenziale futura moglie di Cruise nel 2004, prima che iniziasse la relazione con la Holmes.

La Boniadi però fu costretta a pulire i gabinetti con uno spazzolino da denti per aver violato la riservatezza degli accordi che si stavano stringendo rivelando a degli amici che da lì a poco si sarebbe fidanzata con l’attore di ‘Top gun’. Un portavoce di Scientology ha replicato a Ween che “l’articolo e la sua premessa è totalmente falso. Abbiamo negato questa ridicola storia oggi come la prima volta che è apparsa 4 anni fa”. Poi ha specificato: “Nessun membro della nostra chiesa è mai stato usato o punito o obbligato al silenzio. E’ totalmente falso”. (Foto Lapresse).

Potrebbero interessarti anche...