Categorie
celebrity

Maria Rosaria Ventrone: “Cavani mi ha tradita, le donne il suo punto debole”

NAPOLI – E’ dura essere lasciate da un giorno all’altro, dall’uomo che si ama, dall’uomo che ti ha promesso amore eterno. E’ quello che è successo alla napoletana Maria Rosaria Ventrone, compagna per un anno circa del calciatore uruguayano Edinson Cavani. Oggi lei parla e a Sport Mediaset si sfoga dopo mesi di dolore e amarezza:

Da quanto tempo non lo sente?

“Qualche mese. Da quando ho scoperto sul suo telefonino le foto con quell’altra (Micaela Orsi, miss Uruguay, pare attuale compagna del calciatore, ndr). Quella sera eravamo a Parigi e Edi giurava di non conoscerla. Eppure io avevo visto sul suo telefonino le foto di loro due in macchina con l’autista. Poi mi ha “rispedito” a Napoli e con una telefonata secca mi ha detto in lacrime, lo sottoscrivo in lacrime: “Ti amo troppo ma non posso più stare con te”. In quel periodo ha mandato via anche i suoi procuratori storici. Tutto questo dopo che ha conosciuto la mia famiglia, dopo che portava il piccolo Bautista a casa mia, dopo che mi ha portato in Argentina, Uruguay; mi ha fatto conoscere il mondo, insieme abbiamo scelto la casa che ha acquistato a Punta dell’est, insomma dopo tutto questo… lui è cambiato all’improvviso. Successivamente ho capito che la causa era l’altra ragazza. Nonostante lui giurava che non fosse così. Ma lui è uno che giura, giura, giura… il falso”.

Mi scusi, ma che ne resta di Cavani atleta di Cristo?

“Lui crede in Dio. Non si separa mai dalla bibbia e tutte le volte, prima di ogni partita e lo farà anche oggi, fa una preghiera “sempre la stessa” dedicata a Dio. Anche la sera prima che andassimo a letto, pregavamo. O meglio mi chiedeva di pregar con lui. Ma chi predica bene poi quasi sempre razzola male. Lui ne è l’esempio. Ha una doppia personalità. Si lascia facilmente influenzare e poi le donne sono state sempre il suo punto debole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.