Categorie
celebrity

Fabrizio Corona, esperto legge i tatuaggi: “Disturbato ma non cattivo”

MILANO – “Una persona turbata, non cattiva. Il tentativo di cancellare e ricoprire i disegni, poi, è ricorrente in chi ha disturbi della personalità, paragonabile all’autolesionismo”. A descrivere così Fabrizio Corona è Nicolai Lilin, scrittore e tatuatore che in esclusiva per Oggi, in edicola mercoledì 6 febbraio, “legge” la pelle tatuata dell’ex agente di fotografi ora rinchiuso nel carcere di Busto Arsizio. “I suoi tatuaggi sono un modo per punirsi e attirare l’attenzione su un disagio. È come se lui avesse di sé un’immagine perfetta, cui però sa di non somigliare, e quindi intervenisse sul suo corpo creando una finta perfezione”, aggiunge Lilin.

La pelle di Corona, che negli anni cruciali della sua ascesa e del suo declino si è riempita di segni e disegni racconta ancora molto altro, di lui: “Quella espressa nei suoi tatuaggi è una virilità scimmiottata, quasi compensatoria. Un’ansia di apparire maschio che fa pensare a una sessualità problematica, a un passato irrisolto”. E a proposito dei tanti richiami al carcere, sulla pelle di Corona: “Un modo isterico per far credere che il carcere non lo ha fatto soffrire e non gli fa paura. Un criminale vero non si comporterebbe mai così”. (Foto Lapresse).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.