Categorie
benessere

Segnali che ti avvertono che stai mangiando troppi grassi

Non solo l’aumento di peso. Alcuni segnali che ti invia il tuo corpo per segnalarti che stai mangiando troppi grassi.

I grassi sono essenziali per il nostro benessere. Tuttavia, non sono tutti uguali. Nonostante forniscano tutti le stesse calorie al nostro corpo e possano farci ingrassare (sì, anche quelli che riteniamo salutari), ci sono alcuni tipi di grassi che possono darci più problemi di altri. Vediamo quali segnali ci invia il nostro corpo per avvertirci che forse stiamo eccedendo con il consumo di grassi, anche se si tratta di quelli considerati sani.

Leggi anche: 5 segnali che indicano che stai assumendo troppo zucchero

Funzioni dei grassi

Sono uno dei tre macronutrienti che otteniamo attraverso il cibo. Sono detti anche lipidi, e sono formati principalmente da trigliceridi, che a loro volta si semplificano in acidi grassi. I grassi che mangiamo hanno diverse funzioni nel corpo, le più importanti delle quali sono:

  • Vengono utilizzati come fonte di energia apportando 9 kcal per ogni grammo, quindi rappresentano anche la riserva energetica che il nostro corpo utilizza quando ne ha bisogno.
  • Proteggono e danno consistenza ai nostri organi, generalmente situati intorno ad essi.
  • Fanno parte delle membrane cellulari, regolando il passaggio di sostanze dentro e fuori di esse.
  • Partecipano alla assorbimento e mobilizzazione delle vitamine liposolubili come le vitamine A, D, E e K.
  • Inoltre, al di fuori del corpo, conferiscono appetibilità al cibo. Questa proprietà rende i cibi ricchi di grassi molto più gustosi.

Leggi anche: Come una dieta ricca di grassi (non sani) può rallentare il metabolismo

Quanto grasso è necessario per una assunzione giornaliera sana?

All’interno di una dieta equilibrata, i grassi buoni sono senza dubbio necessari per il corretto funzionamento del nostro corpo. Il loro consumo va considerato tra il 15-30% dell’apporto energetico totale della dieta, tenendo sempre conto di un buon equilibrio tra le calorie che assumiamo e il dispendio calorico. 

Leggi anche: Quali sono i grassi sani e perché non devi aver paura di includerli nella dieta

Cosa succede se mangiamo troppi grassi? 

Il consumo di lipidi è indubbiamente necessario per un corretto funzionamento dell’organismo. Ma siccome forniscono 9 calorie per grammo, dobbiamo trovare un equilibrio tra adeguato apporto e dispendio calorico (sempre compresa l’attività fisica). Inoltre, i cibi grassi possono essere molto più appetibili, quindi è facile superarne l’assunzione necessaria e cadere in opzioni di scarsa qualità, come cibi ipercalorici e poco sazianti.

Esistono diversi tipi di grasso.

Ci sono quelli saturi (non hanno doppi legami), si trovano naturalmente negli alimenti di origine animale come carne, insaccati o oli vegetali come cocco e palma, e sono i più utilizzati nella lavorazione degli alimenti. Questo tipo di grasso non deve superare il 10% dell’apporto calorico giornaliero totale. Il suo abuso è dannoso per la salute perché favorisce un aumento del colesterolo LDL nel sangue, uno dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari.

Un altro tipo di grassi (con doppi legami) sono i grassi insaturi , che si trovano negli oli vegetali (oliva, girasole o mais) ma anche nelle noci, nei semi, nel pesce, ecc. Questo tipo di grasso è considerato di ottima qualità, grassi sani che possono contribuire tra il 15 al 30% dell’apporto calorico totale.

Infine ci sono  i grassi trans, quelli insaturi. Si formano in un processo industriale tramite idrogenazione. Si trovano negli alimenti trasformati e dovrebbero essere evitati e ridotti al minimo. La necessaria riduzione del consumo di questo tipo di grasso si basa sul fatto che aumenta i livelli di colesterolo LDL e trigliceridi e riduce anche il colesterolo HDL (colesterolo buono) nel sangue, aumentando il rischio di soffrire di malattie coronariche e cardiache.

Il tuo corpo ti segnala che stai mangiando troppi grassi? 

L’eccessivo consumo di grassi è considerato come un chiaro fattore predisponente allo sviluppo del sovrappeso e dell’obesità. L’eccesso di peso favorisce anche la comparsa di altri disturbi, come malattie cardiovascolari, respiratorie, articolari, ecc.

Un’elevata assunzione di grasso saturo ha effetti negativi sui nostri livelli di colesterolo plasmatico. Aumenta il livello dei trigliceridi e del colesterolo “cattivo” (LDL-C) e abbassa il colesterolo buono (HDL-C). Questi cambiamenti nei livelli di colesterolo portano allo sviluppo di placche di grasso nelle nostre arterie (aterosclerosi), che possono portare alla formazione di trombi e, nel peggiore dei casi, causare la morte per infarto (infarto del miocardio, ictus…).

Quanto tempo può impiegare il corpo per riprendersi dall’abuso di grasso?

Non esiste un periodo di tempo stabilito per riprendersi da un’assunzione elevata di grassi, poiché ciò dipenderà dal livello di abuso che abbiamo avuto durante la nostra vita. Un’assunzione elevata a lungo termine di grassi, in particolare di quelli saturi e trans, può portare a disturbi irreversibili come ictus o infarto.

Per questo le società scientifiche consigliano di prevenire l’abuso di lipidi, mantenendo sempre un apporto inferiore al 30%. Per questo è consigliabile:

  • Privilegiare il consumo di alimenti vegetali (frutta, verdura, legumi). Questi dovrebbero costituire la base della nostra dieta poiché oltre a soppiantare il consumo di cibi ricchi di lipidi, il loro alto contenuto di fibre riduce l’assorbimento del colesterolo da parte dell’organismo.
  • Scegli cibi ricchi di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi (olio extravergine d’oliva, pesce azzurro, avocado, noci) piuttosto che cibi ricchi di quelli saturi e trans (carni rosse, cibi ultralavorati come margarine, olio di palma…).