Categorie
benessere

Tutto ciò che devi sapere sul “veganuary”

Negli ultimi giorni ti sarà capitato di imbatterti in questa parola: veganuary. Se sei tra quelli che non sai cosa sia ma vorresti approfondire, allora leggi qui. Scoprirai tutto ciò che devi sapere sul Veganuary, compresi i benefici per la salute derivanti dalla dieta vegana, e come una dieta a base vegetale può aiutare il pianeta.

Anche se spesso i propositi tradizionali di inizio anno falliscono, ha senso che con l’inizio di un nuovo anno ci sentiamo ispirati dalla possibilità di pulire la lavagna e iniziare a essere la versione più sana di noi stessi.

L’opzione più gettonata del momento per dare il via al 2021 con il botto in modo salutare è proprio il Veganuary. Come probabilmente avrai intuito, e come suggerisce il nome, ciò comporta un maggiore consumo di vegetali e il taglio di prodotti animali durante il primo mese dell’anno, gennaio.

Ti stai chiedendo se provare Veganuary può fare al caso tuo? Ecco tutto ciò che devi sapere, incluso come è iniziato e i benefici per la salute e l’ambiente di diventare vegani per un mese.

CORRELATI: La dieta vegana può aumentare il metabolismo

Da dove viene il Veganuary?

La sfida Veganuary è iniziata nel Regno Unito nel 2014, quando un’organizzazione senza scopo di lucro con lo stesso nome ha iniziato ad incoraggiare le persone a provare a diventare vegane per il mese di gennaio. Secondo il sito dell’associazione, fino al 2019, più di 250mila persone si sono unite alla missione. Ora, si sta facendo strada in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti e anche l’Italia. Il veganismo ha guadagnato popolarità anche al di fuori della campagna specifica.

Ovviamente seguire una dieta priva di alimenti animali e derivati non è una novità. Il World Vegan Day è stato istituito nel 1994 e da allora ha continuato a vedere una crescita di seguaci.

Il marketing di ‘Veganuary’ in particolare è decollato lo scorso anno quando le ricerche su Google per il termine sono aumentate vertiginosamente. Persino Hollywood ha preso atto annunciando che i Golden Globe del 2020, che si sono svolti il ​​5 gennaio scorso, avrebbero caratterizzato un menu tutto vegano .

Ci sono benefici per la salute nel diventare vegani?

Una dieta a base vegetale ricca di frutta e verdura è stata collegata a un ridotto rischio di diabete di tipo 2, malattie cardiache e cancro. Barbie Boules, RDN, fondatrice di Barbie Boules Longevity Nutrition, spiega:

“Una filosofia alimentare a base vegetale è ricca di fibre, vitamine, minerali, fitonutrienti e acqua”. L’esperta aggiunge che una maggiore quantità di vegetali nel piatto favorisce anche un sano microbioma intestinale.

CORRELATO: Questa ricetta per biscotti vegani leggeri con solo 3 ingredienti è un sogno per gli amanti dei dolci

Ma i benefici per la salute di una dieta vegana emergono anche a breve termine. In una recensione del 2019 pubblicata sulla rivista Nature, gli autori hanno notato un miglioramento dei livelli di glucosio, insulina e colesterolo, nonché perdita di peso e diminuzione dell’infiammazione per i partecipanti che hanno seguito una dieta a base vegetale per un periodo compreso tra tre e 24 mesi. Un altro studio del 2018 ha mostrato che i partecipanti avevano ridotto il colesterolo totale dopo essere diventati vegani per sole quattro settimane, ovvero la durata del Veganuary.

E i vantaggi ambientali?

Certo, ci sono benefici per la salute nel diventare vegani, ma una dieta a base vegetale può anche portare benefici al pianeta. Uno studio del 2018 pubblicato sulla rivista Nature ha dimostrato che la dieta occidentale ricca di prodotti animali e alimenti trasformati, se mantenuta al ritmo attuale, potrebbe causare un picco nei fattori che contribuiscono ai cambiamenti climatici legati al cibo. Inclusi l’inquinamento dell’acqua e le emissioni di gas serra, fino a 90% entro il 2050.

In un alto rapporto pubblicato nel 2019 su The Lancet è emerso che una dieta ricca di verdure, frutta, cereali integrali, legumi e noci (e un ridotto consumo di carne rossa, zucchero e cereali raffinati) non solo ha benefici per la salute personale, ma è la dieta più sana per il pianeta .

Quindi, dovresti provare il Veganuary?

Quando si tratta di dare una possibilità a Veganuary, non c’è davvero alcun motivo per non aumentare il nostro consumo di prodotti, cereali integrali e noci e semi. Una cosa su cui mette in guardia Boules, tuttavia, è la scelta dei nutrienti. Cerca di seguire un esperto vegan, per riuscire a pianificare bene i tuoi pasti e garantire al tuo corpo un adeguato apporto di nutrienti.

“Una dieta vegana rigorosa e completa dal punto di vista nutrizionale richiede impegno e pianificazione”, ha osservato. L’esperta ha aggiunto che dovrai prestare particolare attenzione a calcio, vitamina D, B12 e omega 3, che non si trovano adeguatamente nelle piante e in altri alimenti vegani.

Ma per quanto riguarda le proteine? (Se sei vegetariano, hai sentito questa domanda almeno un milione di volte, vero?). Fagioli, legumi, edamame, tofu e quinoa sono tutte opzioni ricche di proteine ​​sane.

E se l’idea di rinunciare al formaggio per sempre pensi che sia insostenbile, ci sono buone notizie. Boules fa notare che non devi necessariamente eliminare alcuni prodotti per sempre e subito. Puoi anche iniziare impegnandoti ad eliminare gran parte dei prodotti di origine animale, ma non tutti. “Adoro l’idea di riempire metà del piatto di verdure ad ogni pasto, e magari preparare un pasto al giorno totalmente a base vegetale”, spiega Boules.