benessere

9 alimenti anti aging che puoi inserire nella tua dieta autunnale

9 alimenti anti aging che puoi inserire nella tua dieta autunnale

Esistono degli alimenti “amici” che possono rallentare l’invecchiamento. Non parliamo solo di estetica, ma anche di psiche. Il cibo potrebbe rappresentare un fattore protettivo contro il declino cognitivo. Quanto più è varia l’alimentazione quotidiana di un anziano, tanto più è protetto dal declino delle funzioni cognitive.

Focalizzandoci sulla bellezza, possiamo mettere nel carrello alcuni cibi che più di altri sono alleati. Sono economici e possono essere trovati facilmente nei supermercati. Eccone alcuni.

Alimenti anti aging da mettere nel carrello.

L’avocado è una fonte di acidi grassi essenziali, minerali, vitamine e fibre. Un alimento che aiuta a nutrire la pelle dall’interno. E’ ricco di potassio aiuta a ridurre la pressione sanguigna. E’ povero di colesterolo e protegge il sistema cardiovascolare.

La zucca ha un alto contenuto di beta-carotene, che la rende un potente antiossidante e il suo apporto di vitamina A e zinco aggiunge benefici anti-invecchiamento.

I peperoni verdi hanno una combinazione di vitamine A, C e carotenoidi. Tutti alleati della pelle. I funghi tengono a bada la glicemia e hanno un alto contenuto di fibre o vitamina C, che previene l’invecchiamento della pelle.

Le verdure a foglia verde non dovrebbero mai mancare nelle nostre cucine. Oltre a sostenere la regolarità intestinale, forniscono vitamine A e C, minerali e antiossidanti, che aiutano a mantenere la compattezza dei tessuti.

E’ autunno e non puoi tornare a casa senza la tua carica di agrumi. Dalle arance ai mandarini, è il momento dei colori aranciati. Questi frutti sono carichi di vitamina C e la tua pelle ti ringrazierà, poiché favorisce la produzione di collagene ed elastina nella pelle.

Nota bene: questo articolo ha solo uno scopo illustrativo e non è in alcun modo sostitutivo del parere medico. Rivolgiti sempre a uno specialista ed evita il fai da te quando si tratta di salute. Foto da Pixabay.