Categorie
bambini

“Sindrome da iperattività non esiste”: la tesi di un neurologo Usa

CHICAGO – “La sindrome da iperattività non esiste”: la tesi del professor Richard Saul è destinata a far discutere, visto che confuta, o almeno prova a farlo, una delle patologie che, secondo i criteri usati fino ad ora, colpisce solo negli Stati Uniti un ragazzino su sette. Portando, nei due terzi dei casi, ad una terapia a base di stimolanti e anfetamine, come il Ritalin o l’Adderall.

Secondo Saul, però, quella che è la seconda malattia cronica dell’infanzia dopo l’asma negli Usa non sarebbe altro che una collezione di una ventina di condizioni diverse, dalla miopia, alla depressione, fino al disordine bipolare. E ciascuna di esse richiederebbe un trattamento specifico.

Nel suo studio, pubblicato nel libro “Adhd Does not Exist”, il neurologo si è basato su trent’anni di pazienti che si sono rivolti a lui lamentando scarsa capacità di concentrazione.

Il dottor Saul si è accorto che le ragioni della distrazione cronica erano estremamente diverse: una ragazzina era miope e non riusciva a leggere bene la lavagna, un altro, che non seguiva con attenzione le lezioni di matematica, era più avanti del resto della classe ed è “guarito” una volta spostato con un gruppo più avanzato. Alcuni avevano problemi di udito. Per altri la diagnosi di Adhd nascondeva malattie come la sindrome di Tourette, l’autismo, la sindrome ossessiva-compulsiva, dislessia e altre difficoltà di apprendimento.

Di solito l’Adhd viene diagnosticata tra i tre e i sette anni. Secondo Saul troppi medici prescrivono gli stimolanti dopo un esame superficiale del paziente. D’accordo con lui altri studiosi, anche negli Stati Uniti: Mailyn Wedge, una psicoterapeuta che si batte contro chi somministra Ritalin come se fossero caramelle, ha notato che il 56% degli specialisti che hanno inserito l’Adhd nel manuale delle malattie mentali hanno legami con case farmaceutiche indirettamente beneficiarie della creazione della nuova diagnosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.