Categorie
attualità

‘Roast Busters’, il club dello stupro che umiliava le vittime su Facebook

AUCKLAND (NUOVA ZELANDA) – Dal 2011, due giovani ragazzi neozelandesi hanno usato Facebook per adescare ragazze minorenni, imbottirle di alcol per poi violentarle una volta che erano troppo ubriache per respingere le loro avances. I due ragazzi di Auckland, in Nuova Zelanda, di età compresa tra i 17 e i 19 anni, una volta compiuta ‘l’impresa’ umiliavano la loro vittima pubblicando video della notte brava sulla loro pagina Facebook chiamata “Roast Busters.” Dopo un’inchiesta apparsa sul sito 3 News, la polizia ha arrestato i presunti colpevoli.

I due ragazzi sono uno un figlio di un poliziotto mentre l’altro è il figlio dell’attore Joseph Levall Parker, il quale ha avuto un ruolo nel film ‘The Matrix‘. La storia è emersa dopo che il sito neozelandese 3 News ha cominciato a seguire i due ragazzi costantemente. La polizia locale dice di essere a conoscenza delle ‘gesta’ dei due giovani da almeno un paio di anni, ma di non poterli accusare finché una delle vittime dei loro ‘giochetti sessuali’ li denuncia pubblicamente.

Infatti, sembrerebbe che molte delle vittime dei ‘Roast Busters’ preferiscono rimanere in silenzio perché intimorite dal rischio di possibili ritorsioni. Una delle vittime, che è rimasta anonima, dice di essere stata violentata da tre di loro dopo aver perso conoscenza durante una serata passata a bere. “Nessuna delle ragazze finora è stata abbastanza coraggiosa da denunciare le violenze subite,” ha detto l’ispettore Bruce Scott.

Intanto però, grazie all’indignazione popolare, la pagina Facebook di Roast Busters è stata cancellata un paio di ore dopo il servizio. In un video apparso sulla pagina Facebook dei ‘Roast Busters e ripreso da diversi siti, si vede uno dei due ragazzi vantarsi delle sue conquiste e affermare che le ragazze vogliono conoscerlo perché incuriosite da quello che fa.

1 risposta su “‘Roast Busters’, il club dello stupro che umiliava le vittime su Facebook”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.